Seleziona una pagina

Notizie dalla Repubblica Ceca

Economia ad ottobre

2020/10

L‘economia tedesca ha registrato una ripresa più modesta nel secondo trimestre e una ripresa più modesta nel terzo trimestre.

Per il resto dell’area dell’euro, invece, prevediamo una crescita a due cifre su base trimestrale. Ciò dovrebbe riflettersi anche nei dati complessivi dell’Unione monetaria.

Un quadro simile sarà pubblicato dall’Istituto statistico ceco per l’economia interna. Gli ultimi dati mensili mostrano una crescita solida, tuttavia, la preoccupazione principale è la fine dell’anno, che rifletterà le attuali nuove misure anti-pandemiche del governo. L’area dell’euro rimane nella zona deflazionistica e non cambierà nei prossimi mesi. La corona ha spazzato via le perdite dei giorni precedenti e attende un altro impulso dall’economia domestica. 

 

I ristoranti perdono ogni giorno 414 milioni di CZK, un terzo dei quali è chiuso

L’industria gastronomica della Repubblica Ceca perde ogni giorno 414 milioni di corone ceche durante la chiusura. Entro la fine dell’anno il risultato potrebbe raggiungere i 70 miliardi di corone, ha dichiarato Jakub Špika, direttore commerciale della società di ricerca Nielsen.
Questa primavera i ristoranti, i caffè e gli alberghi hanno perso 28,2 miliardi di corone ceche in vendite. Un regime aperto che ha operato durante l’estate non ha salvato la situazione primaverile e autunnale.
L’anno scorso il fatturato del settore è stato di 195 miliardi di corone. Quest’anno, in circostanze normali, avrebbe potuto raggiungere i 200 miliardi. Con l’attuale pandemia COVID-19, l’industria può solo aspettarsi perdite. L’industria ha già richiesto il prolungamento del programma di noleggio dell’Antivirus o COVID-19. Un terzo dei ristoranti è completamente chiuso; migliaia di persone hanno perso il lavoro.
Lo scorso novembre, il municipio di Praga ha creato un nuovo progetto chiamato “I pranzi per i bambini”. I ristoranti possono fornire cibo ai bambini che studiano a casa per 60 corone ceche e ai loro genitori per 90 corone ceche a pasto. Václav Stárek, il presidente dell’Associazione degli alberghi e dei ristoranti della Repubblica Ceca, ha osservato che vendere attraverso le finestre da asporto o fornire pasti alle scuole non risolve la situazione. Ha aggiunto che il prezzo stabilito è inferiore alle spese giornaliere. I pranzi a questi prezzi dovrebbero essere sovvenzionati dal governo.
Secondo alcuni esperti, l’interesse per il cibo da asporto potrebbe ancora crescere, anche se non sostituirà mai una vera e propria visita ad un ristorante. Sono sicuri che dopo l’indebolimento delle restrizioni, la gente tornerà. Quasi la metà degli intervistati va al ristorante per incontrare gli amici – una sorta di rituale.
I ristoranti non sono il fulcro principale dell’infezione da COVID-19, ha aggiunto Stárek. Il settore gastronomico ha ancora la fiducia dei clienti. Tuttavia, le associazioni imprenditoriali stanno ancora cercando il modo di risolvere la situazione e di coprire le spese.

 

 

Smart office

Il periodo Covid ha colpito il settore immobiliare.

Il passaggio di massa al lavoro da casa, a cui abbiamo assistito dopo l’introduzione di severe misure preventive a marzo, ha costretto i datori di lavoro a considerare se potevano implementare un ufficio domestico almeno in una certa misura in modo permanente e quindi ottimizzare i costi di affitto degli uffici.

I dati dell’azienda mostrano variazioni minime nell’occupazione degli uffici. Tra gennaio e settembre di quest’anno, il calo dell’occupazione del portafoglio di uffici che gestiamo ha rappresentato solo il 4%, di cui circa il 2% può essere attribuito alla pandemia covid-19. L’altra metà è stata causata da una riduzione pianificata.

Finora, da una prospettiva a lungo termine, non è possibile dire con certezza se le aziende richiederanno in modo permanente meno spazio per uffici. Tuttavia, ci sono una serie di fattori che suggeriscono che un tale scenario non si verificherà. L’aumento dell’uso dell’home office è attualmente dovuto al comportamento socialmente responsabile di molte aziende e alle misure preventive adottate dal governo.

Tuttavia, a causa della nuova esperienza del periodo della pandemia, possiamo certamente aspettarci un cambiamento nei parametri tecnici, che determinano, ad esempio, i requisiti per la dimensione dei singoli lavori e allo stesso tempo la pressione degli stessi dipendenti per garantire un luogo di lavoro sicuro. Ciò è anche nell’interesse degli stessi datori di lavoro, in quanto una persona covid positiva (o comunque malata) sul posto di lavoro può influenzare fondamentalmente il funzionamento dell’intera azienda.
E’importante notare che nella maggior parte dei casi le famiglie ceche non sono pronte per un ufficio domestico permanente. Soprattutto a Praga, dove negli ultimi anni abbiamo seguito la tendenza alla diminuzione della superficie dei nuovi appartamenti e allo stesso tempo all’aumento dei prezzi per metro quadrato di proprietà.

Ad assurdo, il costo della gestione di un ufficio viene trasferito dalle aziende ai dipendenti: devono assicurarsi un lavoro nella loro famiglia, a cui il datore di lavoro di solito non contribuisce. Ciò può creare spazio per una categoria completamente nuova di benefici per i dipendenti, tuttavia, non cambia l’attuale situazione di diffusa (in) disponibilità per il lavoro permanente da casa.

L’home office è in larga misura solo un fenomeno di accompagnamento di una pandemia, che svanirà nel tempo. Ma è anche probabile che a lungo termine generi una maggiore domanda di spazi per uffici di qualità e sicuri.

EET

L’obbligo EET è attualmente abolito entro la fine di quest’anno. 

Il governo ha proposto un ulteriore rinvio in base alla situazione attuale per quanto riguarda la diffusione del coronavirus, le prospettive economiche e le consultazioni con sindacati, associazioni e camere. Il destino di EET sarà probabilmente deciso nelle elezioni parlamentari dell’autunno 2021. Schiller ritiene che l’EET sarà rinnovato.
Il rinvio delle registrazioni riguarda non solo i campi esistenti, ma anche l’avvio dell’ultima fase di EET per i campi che non hanno ancora registrato vendite. Si tratta, ad esempio, di artigiani, medici, tassisti, commercialisti o avvocati. In origine, l’ultima fase doveva essere lanciata il 1 ° maggio di quest’anno. Nessun imprenditore ora deve registrare le sue vendite e le autorità non controllano nemmeno questo obbligo. Tuttavia, gli imprenditori possono continuare a registrare le vendite volontariamente.

Boschi in Repubblica Ceca

Il servizio forestale di Praga ha annunciato che pianterà 128.000 alberelli durante l’autunno, dopo che i coleotteri hanno devastato la popolazione.

Nonostante le fredde temperature primaverili, i parassiti non sono stati scoraggiati e circa 70.000 alberi malati sono stati abbattuti. In altre parole, quasi un terzo del legno raccolto quest’anno è stato abbattuto a causa dell’infestazione.

Petra Fišerová, dell’organizzazione forestale Lesy města Prahy, spiega: “Nella primavera di quest’anno abbiamo piantato più di 107.000 alberi nelle foreste di Praga; in autunno abbiamo in programma di piantare altre quasi 130.000 piantine.

Quasi 70.000 di esse saranno riempite di radure sciolte, che rimarranno nelle foreste soprattutto dopo che gli alberi malati saranno stati abbattuti a causa dell’infestazione di coleotteri della corteccia. I rimanenti 60.000 giovani alberi saranno piantati nelle aree appena rimboschite”.

A causa del coleottero della corteccia, le conifere vengono ritirate dai progetti. La specie esatta delle piantine dipenderà dall’immediata idoneità dell’habitat, ma non sarà l’abete rosso, che da tempo non viene piantato nelle foreste praghesi.

Petr Hlubuček, il vicesindaco per la sicurezza e l’ambiente, ha parlato degli spazi verdi di Praga: “Negli ultimi 20 anni, 250 ettari di nuovi spazi verdi sono stati creati e finanziati da Praga.

Tutti i costi di impianto e la successiva manutenzione, spesso più costosa di quella primaria, sono coperti dalla metropoli dal suo budget”.

In particolare, i progetti comprenderanno la piantumazione di 26.400 alberi nella foresta Na Musile di Kunratice e 16.000 alberi a Horní Počernice, che fioriranno intorno ai laghetti rivitalizzati di Xaverov e al letto restaurato del ruscello Svépravický.

 

 

Immobiliare con il covid

Rep. Ceca 25 ottobre – Le nuove statistiche pubblicate da Eurostat il 7 ottobre mostrano un aumento dei prezzi delle case nella maggior parte degli Stati membri dell’UE: in aprile, maggio e giugno 2020 i prezzi sono aumentati del 5,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. I prezzi delle case nella zona euro hanno registrato un aumento annuale leggermente inferiore del 5,0%. Questi numeri sono tratti da una valutazione delle variazioni dei prezzi di tutti gli immobili residenziali acquistati in un determinato trimestre (House Price Index).

Nella Repubblica Ceca i prezzi delle case sono aumentati del 7,7%, superiore alla media UE. I Paesi vicini hanno registrato variazioni analoghe, registrando tutti valori superiori alla media UE. In Slovacchia i prezzi delle case sono aumentati del 9,7%, mentre la Germania ha registrato un aumento del 6,6%, seguita da vicino dall’Austria con il 6,9%. Dei quattro paesi vicini della Repubblica Ceca, la Polonia ha registrato l’inflazione più alta, con prezzi in aumento del 10,9% su base annua.

In tutta l’UE, i maggiori aumenti annuali dei prezzi delle case nel secondo trimestre del 2020 sono stati registrati in Lussemburgo (+13,3%), Polonia e Slovacchia. I prezzi sono scesi a Cipro (-2,9%), e forse anche in Ungheria, dove Eurostat ha pubblicato solo una stima provvisoria di -5,6%.

Stato membro Aumenti annuali dei prezzi delle abitazioni nel secondo trimestre del 2020 (%)
Lussemburgo 13,3
Polonia 10,9
Slovacchia 9,7
Croazia 8,3
Portogallo 7,8
Repubblica Ceca 7,7
Tabella: Sei paesi con i maggiori aumenti annuali dei prezzi delle case nel secondo trimestre del 2020. Fonte: Eurostat 2020.
A fronte dei primi mesi del 2020, aprile, maggio e giugno hanno registrato un aumento dell’1,7% nell’area dell’euro e dell’1,5% nell’UE. Come tutti noi senza dubbio ricordiamo, il secondo trimestre del 2020 è stato caratterizzato da misure di contenimento COVID-19 nella maggior parte degli Stati membri.

Cellulare in metropolitana

Copertura mobile e dati ad alta velocità estesa ad altre stazioni della metropolitana di Praga
Il segnale LTE copre ora metà della rete metropolitana con un numero maggiore di stazioni da aggiungere entro la fine dell’anno

I passeggeri della metropolitana di Praga possono ora utilizzare servizi mobili e dati in qualità LTE in oltre la metà delle stazioni della città e dei tunnel adiacenti.

A partire dalla scorsa settimana, la copertura è stata estesa alle stazioni della metropolitana di Chodov e Háje, facendo il conteggio totale delle stazioni della metropolitana coperte dal segnale LTE 33 su 61 stazioni totali, ha dichiarato l’autorità di transito di Praga (DPP) in un comunicato stampa.

Attualmente, DPP e un consorzio di operatori (O2 Repubblica Ceca, T-Mobile Repubblica Ceca, Vodafone Repubblica Ceca) e CETIN stanno lavorando per espandere la rete LTE anche in altre parti della metropolitana di Praga.

Il segnale LTE sarà esteso a Opatov entro la fine di novembre; la città sta attualmente terminando i lavori di costruzione di questa stazione della metropolitana che comprendono la modernizzazione e l’accesso senza barriere.
Terminale attuale della linea B della metropolitana a Zličín,/ Wikimedia commons, CC BY-SA 4.0
Praga otterrà una nuova stazione della metropolitana con Depo Zličín prevista per il capolinea della linea B
Con l’aggiunta della copertura del segnale LTE a Opatov, la rete ad alta velocità sarà disponibile per i passeggeri su tutta la linea C da Nádraží Holešovice alla stazione finale di Háje.

Le stazioni di Národní třída e Náměstí Republiky dovrebbero ricevere la copertura a novembre, rendendo disponibile il segnale LTE su tutto il tratto della linea B da Smíchovské nádraží a Českomoravská.

A dicembre, la rete LTE per i passeggeri servirà anche le stazioni di Náměstí Míru, Nové Butovice e Hůrka. Entro la fine di quest’anno, il segnale LTE dovrebbe coprire la metropolitana nel più ampio centro di Praga. All’inizio del prossimo anno, la rete ad alta velocità LTE sarà estesa a Flora, Radlická e Jinonice.

L’attuale copertura delle stazioni e dei tunnel adiacenti della metropolitana di Praga da parte della rete LTE:

Autobus di Praga / via iStock, DarthArt
Praga terminerà temporaneamente l’esercizio di alcune linee di autobus alle 22.00 a causa dello stato di emergenza
PubblicitàParklane IB
Linea A

Museo, Můstek, Staroměstská, Malostranská, Hradčanská, Dejvická, Bořislavka, Nádraží Veleslavín, Petřiny, Ospedale Motol

Linea B

Českomoravská, Palmovka, Invalidovna, Křižíkova, Florenc, Můstek, Karlovo náměstí, Anděl, Smíchovské nádraží

Linea C

Nádraží Holešovice, Vltavská, Florenc, Hlavní nádraží, Museum, IP Pavlova, Vyšehrad, Pražského povstání, Pankrác, Budějovická, Kačerov, Roztyly, Chodov, Háje

Open chat