Legge sul Catasto

Legge n. 256/2013 Coll. Land Registry Act (Land Registry Act)

PARTE PRIMA – DISPOSIZIONI GENERALI (§ 1 – § 5)
SECONDA PARTE – REGISTRAZIONE DEI DIRITTI ALLA CATTEDRALE (§ 6 – § 27)
PARTE TERZA – GESTIONE DELLA CATEGORIA (§ 28 – § 56)
PARTE QUARTA – CONTI (§ 57 – § 59)
PARTE QUINTA – DISPOSIZIONI COMUNI, TRANSITORIE E FINALI (§ 60 – § 66)
§ 67
§ 68 – Efficacia
Diventa BUON ANGELO

256

LEGGE

dell’8 agosto 2013

sul catasto (legge catastale)

Il Parlamento ha approvato questo atto della Repubblica ceca:

PARTE PRIMA

DISPOSIZIONI GENERALI
§ 1

Registro fondiario
(1) Catasto (di seguito “Catasto”) è un elenco pubblico che contiene una serie di dati sui beni immobili (di seguito “beni immobili”) definiti dalla presente legge, compresi il loro inventario, la descrizione, la loro determinazione geometrica e di localizzazione e la registrazione dei diritti su tali proprietà .

(2) Il catasto è la fonte delle informazioni che serve

a) proteggere i diritti sugli immobili, ai fini di tasse, tasse e altri benefici finanziari simili, per proteggere l’ambiente, proteggere le risorse minerarie, proteggere gli interessi della cura dei monumenti statali, sviluppare il territorio, valutare gli immobili, per scopi scientifici, economici e statistica,

(b) per lo sviluppo di altri sistemi di informazione per gli scopi di cui alla lettera a).

§ 2

Definizione dei termini
Ai fini del presente atto è compreso

a) parte terrestre della superficie terrestre separata dalle parti limitrofe dal confine dell’unità territoriale o del confine del territorio catastale, delimitazione della proprietà, delimitazione definita dal piano regolatore, della decisione territoriale, del permesso congiunto con cui l’edificio è collocato e autorizzato, da un appalto pubblico che sostituisce la decisione di zonazione, dal consenso territoriale o dal confine dato approvando l’intento proposto dall’Ufficio di costruzione, il limite di un altro diritto ai sensi dell’articolo 19, il limite del diritto di pegno, il limite del diritto di costruzione, il limite dei tipi di terra o l’interfaccia di uso del suolo,

b) trama, che è determinata geometricamente e positivamente, visualizzata in mappa catastale e contrassegnata con il numero di pacco

c) terreno edificabile edificato nel tipo di area edificabile del terreno e cortile

d) terra pacchi terra che non è un cantiere

e) la designazione geometrica della proprietà e del territorio catastale per determinare la forma e le dimensioni della proprietà e l’area catastale definita dai loro confini nel piano di visualizzazione

f) individuando la proprietà e il territorio catastale per determinare la loro ubicazione rispetto ad altri beni immobili e territorio catastale,

g) riportando il grafico dell’area della proiezione della trama sul piano di visualizzazione in unità metriche dell’area; la dimensione della superficie risulta dalla determinazione geometrica della trama e viene arrotondata a metri quadri interi; l’area del pacco è registrata con la precisione data dai metodi con cui è stata scoperta, e la sua specificazione non influenza i diritti sulla terra,

h) il territorio catastale è un’unità tecnica, che è un insieme geografico di beni immobili nel catasto,

i) mappa catastale di un piano di grandi dimensioni con descrizione, che mostra tutte le terre che sono oggetto di catasto, area catastale e altri elementi planimetrici; i lotti di terreno vengono visualizzati nella mappa catastale mediante proiezione dei loro bordi sul piano di visualizzazione, sono contrassegnati con numeri di pacchi e tipi di tipi di terra,

(j) il piano geometrico per la base tecnica per la redazione dei documenti in base al quale devono essere apportate modifiche al fascicolo informativo geodetico e alla serie di informazioni descrittive;

k) identificazione di parcelle confronto di registrazione e disegno della stessa proprietà in documentazione catastale con registrazione o disegno in altre operazioni o decisioni finali di autorità pubbliche o in file catastali con lo stato in una certa data,

l) l’ edificio al piano terra collegato al suolo da una solida fondazione che è spazialmente concentrata e esteriormente circondata da mura perimetrali e struttura del tetto

m) edificio di piccole dimensioni con un piano fuori terra, a condizione che l’area costruita non superi 16 m 2 e l’altezza di 4,5 m, che soddisfi la funzione supplementare dell’edificio principale; per la caccia, a condizione che l’area costruita non superi 30 m 2 e un’altezza di 5 m; la costruzione di un garage, un deposito di combustibili ed esplosivi, un edificio per la protezione civile, la protezione antincendio, la costruzione dell’industria dell’uranio e un impianto nucleare, un deposito e una discarica di rifiuti pericolosi e la costruzione di una struttura idrica non sono considerati costruzioni minori.

§ 3

Oggetto della registrazione
(1) Sono registrati nel catasto

(a) appezzamenti di terreno,

(b) edifici a cui è assegnato un numero descrittivo o di prova, a meno che non facciano parte del terreno o del diritto di costruzione;

(c) gli edifici ai quali non è assegnato né il numero civico né il numero di registrazione, a meno che non facciano parte del terreno o dei diritti di costruzione, sono l’edificio principale sul terreno e non sono piccoli edifici;

d) unità definite in base al codice civile,

e) unità definite ai sensi della legge n. 72/1994 Racc., che disciplina alcuni rapporti di comproprietà con immobili e alcuni rapporti di proprietà con appartamenti e locali non residenziali e integra alcune leggi (Legge sulla proprietà degli appartamenti), come modificata,

(f) il diritto di costruzione, \ t

(g) immobili, come previsto in altra legislazione.

(2) Le terre sono suddivise per specie in terreni arabili, orti, vigneti, giardini, frutteti, prati permanenti, terreni forestali, aree acquatiche, aree edificate e cortili e altre aree. Terreni coltivabili, giardini di luppolo, vigneti, giardini, frutteti e praterie permanenti sono terreni agricoli.

(3) I diritti e altri fatti specificati nella normativa legale devono essere registrati presso la proprietà registrata.

(4) Gli immobili sono registrati nel catasto secondo i territori catastali.

(5) Le proprietà importanti per la difesa e la sicurezza dello stato sono visualizzate nella mappa catastale e i relativi diritti sono registrati nel catasto secondo i dati forniti dal Ministero della Difesa, dal Ministero dell’Interno per gli oggetti del Ministero dell’Interno e unità organizzative statali facenti parte della Polizia della Repubblica Ceca o Servizio di soccorso antincendio. La Repubblica ceca o il servizio di informazioni sulla sicurezza. La registrazione di queste proprietà corrispondente alla situazione attuale viene mantenuta dal rispettivo fornitore di dati in base alla prima frase.

§ 4

Contenuto del catasto
(1) Il catasto contiene

a) designazione geometrica e ubicazione degli immobili e delle aree catastali;

(b) tipi di terreni, numeri e pacchi di terreno, dettagli degli edifici a cui è assegnato un numero civico o numero, compresi i numeri di tali edifici, i dettagli degli edifici ai quali né il numero civico né il numero di registrazione sono assegnati a meno che l’edificio principale sia sul terreno, a meno piccole costruzioni, dati selezionati sulla via di protezione e uso di beni immobili e numeri di unità,

(c) dati sui prezzi, dati a fini fiscali e dati da collegare con altri sistemi di informazione relativi al contenuto del catasto;

(d) per gli edifici registrati, se l’edificio è temporaneo;

e) dati sui diritti, compresi dati sui proprietari e dati sui beneficiari di un altro diritto iscritto nel registro (in appresso “altri aventi diritto”),

f) avviso relativo alla proprietà, se un altro regolamento legale prevede l’obbligo di contrassegnarlo nel catasto o è necessario per la gestione del catasto,

(g) il testo completo della dichiarazione di divisione del diritto di proprietà e della terra alla proprietà delle unità (in seguito denominata “la dichiarazione del proprietario di casa”);

(h) accordi di comproprietà sulla gestione della proprietà;

(i) dettagli dei campi dettagliati del punto di posizione;

(j) Nomenclatura locale e territoriale.

(2) La persona fisica deve essere inserita nel catasto

(a) nome (i) e cognome (i), \ t

(b) numero di nascita e, se non, data di nascita;

(c) l’ indirizzo del luogo di residenza e, in caso contrario, l’indirizzo del luogo di residenza.

(3) La persona giuridica deve essere inserita nel catasto

(a) il nome o la ragione sociale;

(b) numero di identificazione della persona o altro identificatore simile, se esistente;

(c) sede legale.

§ 5

Operazione catastale
(1) Il contenuto del catasto è organizzato in operazioni catastali secondo i territori catastali.

(2) Modulo delle operazioni catastali

a) un insieme di informazioni geodetiche che include una mappa catastale e la sua espressione numerica,

b) un insieme di informazioni descrittive, che include dati ai sensi del § 4 par. b) a f)

(c) documentazione dei risultati delle indagini e delle misurazioni per la conduzione e il rinnovo di una serie di informazioni geodetiche, compresa la nomenclatura locale e locale;

d) una raccolta di documenti contenenti decisioni di autorità pubbliche, contratti e altri documenti in base ai quali è stato effettuato l’ingresso nel catasto, complete dichiarazioni del proprietario della casa e accordo dei comproprietari sulla gestione della proprietà

e) protocolli su depositi, registrazioni, note, altri minuti, correzioni di errori, obiezioni al file catastale rinnovato, risultati della revisione del catasto e registrazioni per ulteriori procedimenti.

PARTE SECONDA

REGISTRAZIONE DEI DIRITTI AL CATALOGO
Disposizioni di base
§ 6

Le voci relative ai diritti sono inserite nel registro catastale per deposito, registrazione o commento. Il deposito è l’ingresso nel catasto, che registra i diritti reali, i diritti concordati come diritti reali, affitto e leasing. Il record è un record nel catasto che registra i diritti derivati ​​dal diritto di proprietà. Nota è la voce nel catasto, che registra importanti informazioni relative alle proprietà registrate o nel terreno dei proprietari registrati e di altre persone autorizzate.

§ 7

(1) Le voci di diritti sono iscritte nel registro fondiario sulla base di documenti in formato cartaceo o elettronico (di seguito “atto”). Se il documento è realizzato in formato elettronico, deve anche essere munito di un timestamp elettronico qualificato. Se la firma elettronica è firmata in formato elettronico, per la firma deve essere utilizzata una firma elettronica riconosciuta. Se il sigillo elettronico è sigillato con un sigillo elettronico, per la sigillatura deve essere utilizzato un sigillo elettronico riconosciuto.

(2) Se le firme sull’atto privato non sono verificate ufficialmente, la persona che propone l’iscrizione deve dimostrare la loro autenticità. Se l’autenticità delle firme non è dimostrata entro 30 giorni dal deposito della domanda di registrazione, l’Ufficio catastale pone fine alla procedura di deposito o restituisce il documento presentato per la registrazione da un record o da una nota alla persona che ha presentato il documento.

(3) Se il diritto di essere iscritto nel registro fondiario riguarda solo una parte del terreno registrato nel catasto, un piano geometrico deve essere allegato al documento che definisce parte del terreno. Il piano geometrico è considerato parte dell’atto.

§ 8

Negli schemi per la registrazione dei diritti al catasto, gli immobili devono essere contrassegnati con i dati del catasto

a) la trama con un numero di pacco con il nome del territorio catastale in cui si trova, e nel caso in cui nell’area catastale le trame siano in due serie numeriche e sia un terreno edificabile, è anche un’indicazione di questo fatto; Pacco terreno

b) terra, che è registrata in modo semplificato, da un numero di pacco in base alla precedente registrazione catastale, attestante se si tratta di un numero di pacco in base al catasto, all’operazione di razionamento, all’operazione di consolidamento o al registro immobiliare, indicando il nome dell’area catastale in cui si trova e il nome del territorio catastale originale, se il terreno è stato interessato da una modifica del confine catastale,

(c) un edificio che non fa parte del terreno o del diritto di costruzione, contrassegnando il pacco su cui è costruito, un numero descrittivo o di registrazione e l’ubicazione dell’edificio in una parte del comune, a condizione che il nome della parte del comune sia diverso da quello del territorio catastale in cui l’edificio è costruito

(d) un edificio che non è né parte del terreno né il diritto di costruire e il numero descrittivo o di registrazione è assegnato ad esso, è l’edificio principale sul terreno e non è un piccolo edificio, la designazione del terreno su cui è costruito, e il suo uso,

e) l’ unità designando un edificio in cui è definito, a meno che non faccia parte del terreno o del diritto di costruzione, o la designazione del terreno o il diritto di costruzione, compreso l’edificio in cui è definito, il numero di unità e il suo nome;

(f) l’ unità in costruzione designando l’edificio in cui è definita, a meno che non faccia parte del terreno o del diritto di costruzione, o la designazione del terreno o il diritto di costruzione, compreso l’edificio in cui è definito, il numero di unità e l’indicazione che si tratta di un’unità in costruzione;

(g) il diritto di costruzione contrassegnando il pacco su cui è stabilito;

h) proprietà registrate nel catasto in virtù di un’altra legge contrassegnando il terreno su cui è costruita e la modalità di utilizzo.

§ 9

(1) Se l’ufficio catastale riceve una proposta o un altro documento per la registrazione dei diritti nel catasto, deve contrassegnare le proprietà interessate al più tardi il giorno lavorativo successivo in cui i diritti sono interessati dalla modifica. Tutti hanno il diritto di vedere l’elenco delle proposte o dei documenti presentati.

(2) L’ordine delle iscrizioni nel catasto sarà disciplinato, salvo diversa disposizione della legge, dal momento in cui la domanda di registrazione nel catasto è stata consegnata all’ufficio del catasto. L’articolo 145 del codice di procedura amministrativa si applica, mutatis mutandis, alla procedura dell’ufficio catastale quando si registrano i diritti sul catasto, ad eccezione della seconda e terza frase del paragrafo 2.

§ 10

Gli effetti giuridici della registrazione sorgono nel momento in cui la domanda di registrazione è entrata nell’ufficio catastale competente.

deposito
§ 11

(1) L’ iscrizione, la modifica, l’estinzione, lo statuto delle limitazioni e il riconoscimento dell’esistenza o dell’assenza di tali diritti devono essere iscritti nel registro fondiario:

(a) il diritto di proprietà, \ t

(b) il diritto di costruzione;

(c) la servitù;

(d) pegno,

(e) un pegno futuro;

(f) sotto-pegno, \ t

(g) un diritto di prelazione;

h) scambi futuri

(i) comproprietà;

(j) gestione del fondo fiduciario;

(k) riserva di proprietà,

(l) una riserva di riacquisto

(m) il diritto di rivendita,

(n) il divieto di furto o carico;

(o) riserva del diritto di un acquirente migliore;

(p) accordi per i test di acquisto;

(q) il contratto di locazione se il proprietario o l’affittuario lo richiede con il consenso del proprietario;

(r) un leasing se il proprietario o locatario lo richiede, con il consenso del proprietario;

(s) rinunciare al diritto a danni sulla proprietà.

(2) La divisione del diritto agli immobili nel diritto di proprietà delle unità è registrata anche nel registro fondiario.

§ 12

Il deposito può essere effettuato sulla base di una decisione finale dell’Ufficio catastale sulla sua autorizzazione.

§ 13

Il partecipante alla procedura di autorizzazione del deposito (di seguito “procedura di deposito”) è colui il cui diritto sorge, cambia o si espande e la persona il cui diritto scade, modifica o limita.

§ 14

(1) Una proposta per l’apertura di una procedura di deposito deve essere presentata su un modulo specifico e deve contenere

a) designazione dell’ufficio catastale a cui è destinata la proposta,

b) la designazione dei partecipanti al procedimento di deposito, per le persone fisiche per nome o per nome, cognome, indirizzo del luogo di residenza permanente o, nel caso di non residenti, indirizzo della residenza all’estero, numero di nascita o, se non assegnato, data di nascita; , anche il numero del documento identificativo leggibile elettronicamente, se presente; per le persone giuridiche per nome, sede legale e numero di identificazione, se assegnato,

(c) la designazione di beni immobili e i diritti da registrare o cancellare dal registro;

d) firma del firmatario.

(2) I procedimenti di deposito sono avviati anche se l’ufficio catastale competente ha ricevuto dal giudice o esecutore del tribunale la sua decisione o conferma del diritto che è inserito nel registro fondiario mediante deposito.

§ 15

(1) Allegata alla proposta di aprire una procedura di deposito è

a) lo strumento sulla base del quale è registrato il diritto di essere iscritto nel registro fondiario (di seguito “il deposito”), \ t

b) una procura con una firma ufficiale dell’obbligato principale se il partecipante al procedimento di deposito è rappresentato da un agente; se un deposito è effettuato sulla base di uno strumento autentico e l’agente è la persona che ha scritto l’atto autentico, la firma del preponente non deve essere ufficialmente verificata,

c) un estratto da un registro commerciale o altro registro legale se il partecipante alla procedura di deposito è una persona giuridica e se l’estratto non può essere ottenuto gratuitamente tramite accesso remoto in lingua ceca; la dichiarazione non è richiesta se il documento di deposito è un documento pubblico,

d) altri documenti, se il loro bisogno deriva da un’altra regolamentazione legale, ad esempio il consenso dell’autorità pubblica competente con la divisione o il consolidamento di terreni o il consenso dell’autorità pubblica competente all’azione legale del partecipante nel procedimento di deposito.

(2) Se un documento di deposito non è allegato alla proposta, la domanda deve essere ignorata. L’ufficio catastale informa il firmatario che non tiene conto della proposta.

(3) Se la decisione o la conferma ai sensi dell’articolo 14 (2) non include tutti i dati che devono essere inseriti nel catasto dal deposito, l’Ufficio catastale invita le parti del procedimento a completarle. Se le parti non completano il procedimento entro 14 giorni dalla consegna della chiamata, l’Ufficio del registro fondiario interromperà il procedimento di deposito.

§ 16

(1) L’ufficio catastale deve informare circa l’indicazione che le condizioni legali sono interessate da una modifica al più tardi il giorno dopo la modifica, il proprietario della proprietà e un’altra persona autorizzata, inviando le informazioni all’indirizzo di cui al § 14 par. b) o tramite una casella dati; se richiesto, l’Ufficio catastale informerà il proprietario anche elettronicamente via e-mail o telefono cellulare. I partecipanti al procedimento di deposito che hanno un servizio di tracciamento delle modifiche nel catasto sono informati tramite questo servizio.

(2) Se il firmatario ritira la petizione per il deposito, la procedura di deposito è bloccata solo se tutti i partecipanti al procedimento di deposito concordano.

(3) Se il firmatario restringe la petizione per il deposito, decide sulla petizione ridotta solo se tutti i partecipanti alla procedura di petizione sono d’accordo. Altrimenti, la proposta originale sarà decisa.

§ 17

(1) Nella procedura di deposito, l’ufficio catastale esamina se un certificato di deposito è un documento privato

a) soddisfa i requisiti dell’atto di registrazione

(b) il suo contenuto giustifica il deposito proposto;

c) l’azione legale è presa nella forma prescritta,

d) il partecipante al procedimento di deposito non è limitato dalla legge nel diritto di disporre della proprietà

e) il consenso al procedimento giudiziario del partecipante nel procedimento di deposito è stato concesso in conformità con un altro regolamento giuridico,

f) dal contenuto del documento e dal suo confronto con le voci esistenti nel catasto non vi è alcuna ragione apparente per cui l’azione giudiziaria non sarebbe valida, in particolare se le precedenti iscrizioni nel catasto non indicano che i partecipanti al procedimento di deposito non hanno il diritto di disporre dell’azione legale; o qualsiasi altra autorità pubblica in materia di libertà contrattuale relativa a una questione che è oggetto del

(g) il deposito proposto è un seguito alle voci esistenti nel catasto; da questo punto di vista, non impedisce il permesso del deposito se il firmatario presenta il divario logico tra l’ingresso nel catasto e il deposito proposto contemporaneamente alla petizione di deposito da parte dei documenti che completerà la continuità del documento di deposito; tuttavia, questi documenti devono contenere i dettagli dei certificati di deposito.

(2) Se il documento di deposito è un documento pubblico, l’Ufficio catastale esaminerà se

a) soddisfa i requisiti dell’atto di registrazione

(b) il suo contenuto giustifica il deposito proposto;

(c) il deposito proposto è un seguito alle voci esistenti nel catasto; paragrafo 1 (a) (g) si applicano mutatis mutandis.

(3) Nel caso di un atto pubblico di procedimenti giudiziari, l’Ufficio catastale esaminerà ulteriormente se, al momento del deposito della petizione per il deposito, non vi era alcuna entrata nel catasto, il che implica che il partecipante al procedimento di deposito è limitato nella gestione del caso , che è oggetto di procedimenti legali.

(4) Nel caso di una decisione giudiziaria, l’ufficio catastale esamina l’adempimento delle condizioni solo ai sensi del paragrafo 2 (a). e (a) se questa decisione è anche vincolante per le persone per le quali il diritto nel registro fondiario è ancora registrato.

(5) L’ufficio catastale rivede i fatti di cui ai paragrafi da 1 a 4 sulla base di documenti presentati dai partecipanti o, se del caso, da un tribunale o da un esecutore giudiziario per depositare i procedimenti, i registri esistenti nel catasto e sulla base dei dati dei registri di base, dal sistema di informazione dell’agenda del registro della popolazione e dal sistema di informazione dell’ordine del giorno. sulla base di altre informazioni fornite dal proprietario e da altri partecipanti al procedimento di deposito dopo aver ricevuto informazioni dal registro fondiario ai sensi dell’articolo 16 (1).

§ 18

(1) Se sono soddisfatte le condizioni per consentire il deposito, l’Ufficio del registro fondiario acconsente al deposito, comunque, al più presto 20 giorni dopo la data di spedizione delle informazioni ai sensi dell’articolo 16 (1). i suoi effetti giuridici, rifiuta la proposta.

(2) Se la decisione che autorizza il deposito è pienamente conforme alla petizione per un deposito, la decisione non deve essere presa per iscritto. La registrazione nel file della decisione di autorizzare il deposito del diritto diventa definitiva.

(3) Se il deposito è stato autorizzato ed eseguito, l’Ufficio catastale invia ai partecipanti del procedimento di deposito una notifica di quale deposito è stato depositato nel registro fondiario e ritira il documento di deposito dal file e lo inserisce nella raccolta di documenti. Se un partecipante i cui diritti sugli immobili scadono o sono limitati dalla registrazione è rappresentato da un agente nella procedura di deposito, l’ufficio catastale notifica al depositante non solo tramite l’agente ma anche direttamente.

(4) Nessun rimedio, procedura di revisione, revisione del procedimento o azione ai sensi delle disposizioni del codice di procedura civile sui procedimenti in materia decisa da un altro organismo è ammissibile contro una decisione che autorizza un deposito.

(5) Nessun ricorso, procedura di revisione o nuovo processo è ammissibile contro le decisioni di rigetto di un deposito; è ammessa un’azione ai sensi delle disposizioni del codice di procedura civile sui procedimenti in materia decisa da un’altra autorità, che deve essere depositata entro 30 giorni dalla data di consegna della decisione.

(6) Ulteriori procedimenti di deposito relativi alla stessa proprietà di una decisione di rifiuto di un deposito per il periodo specificato per la presentazione di un’azione ai sensi del paragrafo 5 e, se l’azione è stata depositata, fino al giorno in cui la decisione finale del tribunale sul deposito è consegnata al registro fondiario pertinente .

(7) Se un altro procedimento di deposito riguardante lo stesso immobile di una decisione di rigetto di un acconto è stato avviato dopo che è stata emessa la decisione di rigetto, il procedimento è sospeso con una decisione con effetto dalla data di consegna della petizione da depositare presso l’ufficio catastale competente fino alla data in cui è consegnata all’ufficio catastale la decisione finale del tribunale riguardante il deposito.

record
§ 19

Il record è registrato nel catasto

a) la giurisdizione delle unità organizzative statali e delle organizzazioni statali per la gestione delle proprietà statali

b) il diritto di gestire la proprietà statale

(c) gestione di proprietà dello Stato

d) proprietà della città di Praga affidata alla città di Praga,

(e) i beni della città di legge affidati ai distretti municipali o ai distretti cittadini delle città statutarie;

f) proprietà di un’unità territoriale autonoma consegnata a un’unità organizzativa per l’amministrazione per proprio uso economico,

g) proprietà di proprietà di un’unità territoriale autonoma consegnata a un’organizzazione contributiva per la gestione.

§ 20

(1) Una petizione per un record può essere presentata da una persona che ha un interesse legale nella sua esecuzione, un’autorità pubblica o un ente territoriale di autogoverno che ha deciso o certificato il diritto di registrare.

(2) Una proposta discografica deve essere accompagnata da un documento che attesti il ​​diritto alla registrazione.

§ 21

(1) L’ Ufficio catastale accerta se la mozione di deposito è presentata da una persona autorizzata, se il documento presentato è privo di errori scritti e numerici e senza altri errori evidenti e se si tratta di una continuazione delle voci precedenti nel catasto.

(2) Se il documento è idoneo per essere registrato nel catasto sulla base di esso, l’ufficio catastale farà il record; in caso contrario, informa la persona che ha presentato per iscritto il documento in merito ai motivi per i quali la segnalazione non è stata effettuata e gliela restituisce.

osservazione
§ 22

(1) L’ ufficio catastale registra la nota sulla base di una decisione o notifica di un tribunale, un pubblico ministero, un’autorità di polizia, un amministratore fiscale, un direttore di stabilimento commerciale, un ufficio di esproprio, un ufficio fondiario, un ufficiale giudiziario, un banditore, un amministratore di insolvenza o una petizione documentata. nota da inserire

(2) Se una nota è registrata sulla base di una decisione di un’autorità pubblica, questa decisione non deve essere accompagnata da una clausola statutaria o da un exequatur.

§ 23

(1) Una nota è aggiunta alla proprietà

a) petizione per l’esecuzione della decisione da parte della direzione della proprietà, la vendita degli immobili, l’istituzione del diritto di pegno giudiziario sulla proprietà e la petizione per l’istituzione del privilegio dell’esecutore,

b) un ordine di esecuzione per gestire la proprietà e vendere la proprietà

c) ordine di esecuzione per squalificare un’azienda

d) delibere sul proseguimento dell’esecuzione dell’esecuzione da parte dell’amministrazione dell’impianto commerciale, la delibera sull’ordine di vendita dell’impianto commerciale in asta

e) le risoluzioni sulla continuazione dell’esecuzione da parte dello stabilimento commerciale, una risoluzione che ordina la vendita dell’attività in asta,

(f) una decisione di ordinare l’esecuzione della decisione da parte della direzione della proprietà, la vendita della proprietà e l’esecuzione della decisione da parte degli affari della struttura commerciale,

(g) una risoluzione sull’avviso di asta sulla vendita dell’immobile;

(h) notifica al curatore fallimentare di un inventario di beni immobili di proprietà di una persona diversa dal debitore sotto il catasto;

(i) ordinare provvedimenti provvisori;

j) la conclusione di un contratto per l’esecuzione dell’asta,

(k) richieste di espropriazione di terreni e diritti di costruzione depositati presso l’ufficio di esproprio pertinente;

(l) inizio del consolidamento del terreno;

(m) la decisione che approva il consolidamento dei terreni;

n) una decisione diversa da quella di cui alla lettera m) o una misura di carattere generale che limiti il ​​diritto del proprietario del bene o di qualsiasi altra persona avente diritto di disporre dell’oggetto del diritto iscritto nel catasto o con il quale la restrizione è collegata dalla legge;

o) il ricorso proposto dal ricorrente che chiede al giudice di prendere una decisione in merito agli immobili iscritti nel catasto in cui l’iscrizione nel catasto potrebbe essere effettuata se non include una nota di contraddizione della registrazione;

(p) a condizione che la macchina fissa o altre apparecchiature fisse non facciano parte della proprietà

(q) contando sull’inefficacia dell’azione legale,

(r) il diritto di uso o godimento di cui la registrazione non è effettuata tramite deposito, nonché la limitazione dell’ambito o delle modalità di utilizzo o godimento della cosa da parte dei partecipanti;

(s) riserva di ordine preferenziale per un altro diritto;

(t) il privilegio di stabilire un diritto reale per un’altra persona;

u) posticipazione dell’annullamento della comproprietà e posticipo della comproprietà

(v) un accordo secondo il quale il proprietario del terreno non ha diritto di prelazione al diritto di costruzione e il proprietario del diritto di costruzione non ha diritto di prelazione sul terreno;

(w) previo consenso per l’onere del diritto di costruzione;

(x) il divieto di stabilire un vincolo sui beni immobili;

(y) un impegno a non assicurare un nuovo debito in un ordine più favorevole,

(z) un impegno a non consentire la registrazione di un nuovo privilegio invece del vecchio;

(a) un edificio che non fa parte del terreno,

zb) rinuncia al diritto di prelazione da parte del partecipante.

(2) Viene anche inserita una nota sulla proprietà

a) inizio dell’esercizio del privilegio

b) Organizzazione dell’ordine di privilegi

c) il rilascio del privilegio

(d) successione fiduciario;

(e) il divieto di alienazione di beni immobili;

(f) la natura temporanea di un diritto reale basato su un trasferimento di sicurezza;

g) consegna dei dati di proprietà all’ufficio della rappresentanza governativa negli affari immobiliari,

(h) restrizioni alla gestione e all’alienazione di beni immobili connessi alla concessione di sostegno pubblico.

§ 24

Nota la controversia della registrazione
(1)Se lo stato registrato nel catasto non è conforme alla situazione giuridica effettiva, la persona il cui diritto reale è interessato cerca la rimozione dell’inadempienza, e se prova che ha esercitato il suo diritto dinanzi al tribunale, una nota della disputa della registrazione deve essere registrata nel catasto su sua richiesta. Allo stesso modo, il catasto deve inserire una nota della disputa di registrazione anche se qualcuno sostiene di essere interessato dalla registrazione fatta nel catasto senza alcuna ragione legale a favore di un’altra e chiede che sia annotata nel catasto. L’ufficio catastale registrerà anche una nota della contraddizione della registrazione che agisce contro la registrazione effettuata sulla base dell’azione legale contestata e le sue successive registrazioni sulla base della notifica da parte del tribunale dell’azione presentata o sulla base della petizione motivata del firmatario. il diritto di essere registrato nel catasto non è valido,

(2) Nel caso in cui il procedimento su cui è stata registrata l’osservazione della controversia, la domanda di pronuncia pregiudiziale nella procedura di deposito non sia interrotta.

(3) Se il tribunale soddisfa la domanda sulla quale è registrata l’annotazione della registrazione della registrazione, l’ufficio catastale cancella tutti i registri nei confronti dei quali è attiva l’osservazione della registrazione della registrazione. Dopo la cancellazione di tutte le voci, l’Ufficio del catasto comunica alle persone interessate la modifica apportata.

§ 25

(1) Una nota è aggiunta alla persona

(a) notifica di un ordine di esecuzione, a meno che il debitore sia uno Stato o un ente locale,

(b) un’ordinanza di provvedimenti provvisori che il debitore non può alienare i beni o che il debitore può disporre dei beni solo con il consenso dell’amministratore incaricato dell’insolvenza;

c) notifica al tribunale fallimentare di una decisione sul fallimento,

(d) la decisione di dichiarare il fallimento;

(e) una decisione diversa da quella di cui alla lettera d), secondo la quale una persona non può disporre dei propri beni o di una parte propriamente indefinita.

(2) La nota di cui al paragrafo 1, lettera a) c) ed) possono essere registrati sulla base dei dati presi dal sistema informativo del registro delle insolvenze.

(3) Ogni ufficio catastale al quale è consegnato lo strumento per la registrazione di una nota o la sua cancellazione è registrato senza indugio con l’inserimento di una nota a una persona e la sua cancellazione.

§ 26

Le disposizioni relative alla registrazione e alla cancellazione del record si applicano mutatis mutandis all’ingresso e alla cancellazione di una nota.

§ 27

La nota deve essere cancellata dall’Ufficio catastale sulla base di una decisione o annuncio da parte di un tribunale, pubblico ministero, autorità di polizia, amministratore fiscale, ufficio di espropriazione, ufficiale giudiziario, curatore fallimentare, banditore o una petizione documentata della persona il cui interesse deve essere cancellato. .

PARTE TERZA

GESTIONE DELLA CATEGORIA
Scrivere altri dati nel catasto
§ 28

(1) Le disposizioni in materia di registrazione mediante registrazione si applicano mutatis mutandis all’ingresso di altri dati nel catasto.

(2) Le disposizioni sulla marcatura di proprietà negli schemi per la registrazione dei diritti si applicano mutatis mutandis alla marcatura degli immobili negli schemi per la registrazione di altri dati nel catasto.

§ 29

(1) Una copia della mappa catastale, in cui è contrassegnato il nuovo confine richiesto, una descrizione verbale del confine redatto sulla base di una mappa catastale, una dichiarazione dei proprietari delle terre interessate su una proposta di modifica del confine e una dichiarazione del comune interessato devono essere sottoposti alla proposta per il cambiamento di confine catastale. Un piano geometrico deve essere presentato per registrare il cambiamento del confine catastale, se il suo nuovo corso non può essere identificato con il corso del confine del pacco visualizzato nella mappa catastale. Il piano geometrico può essere sostituito dalla documentazione di rilievo in caso di variazione del confine catastale

a) quando si rinnova il file catastale con una nuova mappatura, o

b) in caso di consolidamento fondiario, sulla base dei risultati dei quali l’operazione catastale viene rinnovata.

(2) La registrazione del cambiamento del confine catastale associato al cambio del confine comunale deve essere sottoposta ad un accordo comunale o una decisione definitiva sul cambiamento dei confini dei comuni.

(3) La registrazione del cambiamento del confine catastale, che è identico al confine di stato, deve essere effettuata sulla base dei dati del documento di confine di stato fornito dal Ministero dell’Interno.

(4) Il parere del comune in questione deve essere presentato all’ufficio del catasto per la proposta di approvazione di una modifica o di un nuovo nome del territorio catastale da parte dell’Ufficio sopralluogo se la proposta non proviene dalla sua iniziativa.

§ 30

(1) La prova dell’uso dell’edificio e del piano geometrico deve essere fornita per l’inserimento dei nuovi dati dell’edificio.

(2) Se il nuovo edificio non fa parte del terreno o del diritto di costruzione, il proprietario del nuovo edificio deve essere colui che dimostra il diritto di stabilire l’edificio sulla terra a meno che non dimostri da un altro documento che il proprietario è qualcun altro.

§ 31

La registrazione di altri dati e le relative modifiche si baseranno su

a) un annuncio del proprietario o di un altro creditore di cui una decisione o un consenso è emessa da un’autorità pubblica competente ai sensi di un’altra legge, qualora sia richiesta tale decisione o consenso;

b) una decisione, un consenso o una notifica emessi da un’autorità pubblica competente in virtù di un’altra normativa, che allo stesso tempo fornisce all’autorità pubblica l’obbligo di inviare la decisione, il consenso o la notifica al registro fondiario, o

(c) la legislazione che stabilisce direttamente altri dati o modifiche ad essi.

§ 32

(1) Altri dati del catasto possono anche essere prelevati da altri sistemi di informazione, registri, registri o registri della pubblica amministrazione, se

a) il loro inserimento dà origine a fatti in essi contenuti;

(b) i dati ivi contenuti godranno della protezione della buona fede nella veridicità e completezza di tali dati.

(2) Se le informazioni contenute nei sistemi di informazione, nei registri, registri o registri della pubblica amministrazione non godono della protezione della buona fede, l’ufficio catastale può confrontare questi dati con i dati del catasto; in caso di discrepanze trovate, indagare sulle cause di queste discrepanze e allineare le voci nel catasto con i risultati dell’indagine. La procedura dell’ufficio catastale in questa riunione è disciplinata dalle disposizioni della presente legge sulla correzione di un errore catastale.

(3) Il Ministero dell’Interno o la Polizia della Repubblica Ceca forniranno autorità di sorveglianza e catastali per l’esercizio dei loro poteri ai sensi della presente legge

a) dati di riferimento dal registro di base della popolazione;

b) i dati del sistema di informazioni sull’agenda del registro della popolazione,

c) dati dal sistema di informazioni sull’agenda degli stranieri.

(4) Dati forniti ai sensi del paragrafo 3, lettera a) a) sono

(a) cognome,

b) nome o nomi

(c) l’ indirizzo del luogo di residenza;

(d) data, luogo e distretto di nascita; all’interessato che è nato all’estero, la data, il luogo e lo stato in cui è nato,

(e) data, luogo e distretto di morte; in caso di morte di un soggetto di dati al di fuori della Repubblica ceca, data di morte, luogo e stato nel cui territorio è avvenuta la morte; se una sentenza di un tribunale viene emessa su una dichiarazione di morte, la data indicata nella decisione come data del decesso, o la data in cui l’interessato dichiarato morto non è sopravvissuto, e la data in cui la decisione è diventata effettiva

(f) cittadinanza e data della sua acquisizione o cessione o, se del caso, maggiore nazionalità e data della loro acquisizione o cessione;

(g) il numero del documento di identificazione leggibile elettronicamente;

(h) una registrazione dello stabilimento della casella dati e un identificatore della casella dati quando la casella dati è resa disponibile.

(5) Dati forniti a norma del paragrafo 3, lettera a) (b) lo sono

(a) nome (i), cognome, cognome da nubile, compresi nomi e cognomi precedenti, \ t

b) data di nascita

(c) luogo e distretto di nascita; per un cittadino nato all’estero, dove e dove è nato,

(d) numero di identificazione della nascita;

(e) cittadinanza o, se del caso, più cittadinanza;

f) l’ indirizzo del luogo di residenza permanente, compresi gli indirizzi precedenti del luogo di residenza permanente, o l’indirizzo al quale i documenti devono essere consegnati in base ad un’altra regolamentazione legale, che è l’identificazione della casella postale o della casella di consegna o l’indirizzo al di fuori della Repubblica ceca,

g) l’ inizio della residenza permanente o la data di cancellazione del luogo di residenza permanente o la data di cessazione del soggiorno permanente nella Repubblica ceca,

h) limitazione della capacità legale

(i) il nome (i) e il (i) cognome (i), il cognome da nubile del padre e della madre e il loro numero di nascita; se il loro numero di nascita non è stato loro assegnato, il loro nome, cognome, cognome da nubile e data di nascita,

j) nome o nomi, cognome, cognome da nubile del coniuge o del coniuge e suo numero di identificazione personale; se il coniuge o il partner è una persona fisica che non ha un numero di identificazione personale, nome o nome, cognome, cognome da nubile del coniuge e data di nascita,

k) il nome oi nomi, il cognome, il cognome da nubile del bambino e il suo numero di identificazione personale; se il numero di nascita del bambino non è stato assegnato, nome, cognome, cognome, nome di nascita e data di nascita,

(l) data, luogo e distretto della morte; in caso di morte di un cittadino al di fuori della Repubblica ceca, data di morte, luogo e stato nel cui territorio è avvenuta la morte,

(m) la data in cui la decisione del tribunale di dichiararsi morto è stata data come data del decesso o come il giorno in cui il cittadino dichiarato morto non è sopravvissuto.

(6) Dati forniti ai sensi del paragrafo 3, lettera a) c) sono

(a) nome (i), cognome, cognome da nubile, compresi nomi e cognomi precedenti, \ t

b) data di nascita

c) il luogo e lo stato in cui è nato l’alieno,

(d) numero di identificazione della nascita;

(e) cittadinanza o, se del caso, più cittadinanza;

(f) il tipo e l’indirizzo del luogo di residenza; \ t

(g) il numero e la validità del permesso di soggiorno;

h) l’ inizio del soggiorno o la data di cessazione del soggiorno,

(i) limitazione della capacità legale;

(j) il nome, oi nomi, il cognome del padre, la madre, se sono stranieri e il loro numero di identificazione personale; se a loro non è stato assegnato un numero di nascita, il loro nome, cognome e data di nascita,

k) nome o nomi, cognome del coniuge e suo numero di identificazione personale; se il coniuge è uno straniero che non ha un numero di nascita, nome o nomi, cognome del coniuge e data di nascita,

(l) data, luogo e distretto della morte; in caso di morte al di fuori della Repubblica ceca, lo stato nel cui territorio è avvenuta la morte o la data di morte,

(m) la data in cui la decisione del tribunale di dichiararsi morto è stata data come data del decesso, o come il giorno in cui lo straniero dichiarato morto non è sopravvissuto.

(7) I dati che sono conservati come dati di riferimento nel registro di popolazione di base devono essere utilizzati dal sistema di informazioni sull’agenda del registro della popolazione o dal sistema di informazioni sull’agenda degli stranieri solo se la loro identificazione con i dati conservati nel catasto di una persona fisica non è possibile attraverso gli identificativi dell’ordine del giorno.

(8) Solo i dati necessari per svolgere una determinata attività possono sempre essere utilizzati dai dati forniti in un caso particolare.

§ 33

Scadenze per l’iscrizione nel registro fondiario
L’ufficio catastale effettuerà

a) deposito sulla base di una decisione definitiva sul permesso di depositare senza indebito ritardo dal deposito,

(b) una registrazione entro 30 giorni dal ricevimento della decisione da parte dell’autorità pubblica o di altro documento attestante o attestante i diritti;

(c) entro 30 giorni dal ricevimento dello strumento idoneo per la nota nel registro; l’ufficio catastale cancella il commento entro 30 giorni dalla consegna del documento, in base al quale non sussistono più le ragioni del suo marchio,

d) registrazione di altri dati entro 30 giorni dalla consegna del documento idoneo per la registrazione nel catasto.

§ 34

Salvare il testo completo della dichiarazione del proprietario di casa e l’accordo di co-proprietari sulla gestione della proprietà
(1) Il responsabile della gestione della casa deve presentare la dichiarazione completa del proprietario della casa da depositare nella raccolta dei documenti.

(2) Ciascuno dei partecipanti alla gara deve presentare l’accordo dei comproprietari sulla gestione della proprietà da depositare nella raccolta di documenti.

§ 35

Revisione dei dati del catasto
(1) L’ ufficio catastale rivede la conformità dei dati catastali con lo stato effettivo nel campo. La revisione dei dati del catasto (in seguito denominata “revisione del catasto”) è annunciata dall’ufficio catastale competente come necessario per garantire la conformità dei dati catastali con il loro stato effettivo sul campo e lo esegue con l’assistenza di comuni, eventualmente anche autorità pubbliche, e con la partecipazione di proprietari e altri legittimi. Se c’è una discrepanza nei dati del catasto, discuterà come rimuoverlo.

(2) L’ufficio catastale redigerà un protocollo sul risultato della revisione del catasto.

§ 36

Risolto bug nel file catastale
(1) Su proposta scritta del proprietario o di un’altra persona autorizzata, o anche senza proposta, l’ufficio catastale correggerà i dati errati del catasto sorto

(a) un errore evidente nel mantenere e ripristinare il catasto;

b) imprecisioni nella misurazione dettagliata, visualizzazione dell’oggetto di misurazione nella mappa catastale e calcolo dei pacchi, se sono stati superati i limiti di deviazione specificati nella normativa di attuazione.

(2) L’ ufficio catastale procede alla riparazione sulla base di una proposta di cui al paragrafo 1 entro trenta giorni, in casi particolarmente giustificati entro 60 giorni dalla data di consegna della proposta.

(3) L’ufficio catastale consegna al proprietario e ad un’altra persona autorizzata la notifica della riparazione o l’omissione di farlo sulla proposta, perché non è un errore. Allo stesso tempo, devono essere informati della possibilità di procedere secondo il paragrafo 4.

(4) Se, entro 30 giorni dalla consegna della notifica, il proprietario o altro ufficio catastale autorizzato informa l’Ufficio catastale che non sarà d’accordo con la riparazione o che non si tratta di un errore, l’Ufficio catastale emetterà una decisione in merito.

§ 37

Obblighi dei proprietari e di altri legittimi
(1) Sono richiesti proprietari e altre autorizzazioni

a) partecipare alle riunioni su richiesta dell’Ufficio del catasto,

b) su richiesta dell’ufficio catastale, per marcare, entro un determinato periodo di tempo, ma non meno di 30 giorni, i confini indiscussi della propria terra, a proprie spese,

c) su richiesta dell’Ufficio catastale, per compilare i dati mancanti e correggere eventuali errori nei documenti presentati per la registrazione nel registro fondiario entro 30 giorni dal giorno in cui hanno ricevuto la chiamata,

d) comunicare al catasto le modifiche apportate ai dati catastali relativi al loro patrimonio immobiliare entro 30 giorni dalla data della loro creazione e presentare un documento comprovante la modifica; questo obbligo per i proprietari e le altre autorizzazioni non ha alcun cambiamento nel catasto risultante da documenti che le autorità pubbliche competenti sono obbligate a inviare al registro fondiario direttamente per la registrazione nel registro fondiario,

e) chiedere che, nel caso in cui una decisione o altra misura di un’autorità amministrativa non sia richiesta per l’iscrizione proposta nel catasto o per la sua modifica, l’autorità amministrativa competente abbia confermato che i dati contenuti nella petizione corrispondono alla realtà,

f) presentare, su richiesta dell’ufficio del catasto, i documenti pertinenti per l’iscrizione nel registro catastale entro il termine stabilito, ma non meno di 30 giorni.

(2) Se il proprietario o altra persona autorizzata non segna i confini dei pacchi ai sensi del paragrafo 1 (a). b), l’Ufficio catastale può decidere di contrassegnare i confini a spese del proprietario o di altra persona autorizzata. I confini della terra che è consolidata in unità più grandi e i confini dei tipi di terra tra le terre vicine dello stesso proprietario o altri legittimi non sono identificati.

§ 38

Obblighi dei comuni
(1) Comuni

a) annunciano nel loro distretto territoriale l’inizio della revisione del catasto e il rinnovo della documentazione catastale nel modo usuale sulla base di una notifica da parte dell’ufficio catastale, inviano i loro rappresentanti a loro, cooperano per garantire la proprietà dei proprietari e di altre persone autorizzate e forniscono le informazioni necessarie per la revisione del catasto e rinnovo della documentazione catastale,

b) curare la marcatura permanente dei confini territoriali dei comuni e su richiesta dell’ufficio catastale segnarli nel tempo specificato,

c) collaborare con l’ufficio catastale allo svolgimento della revisione del catasto e al rinnovo dell’operazione catastale nel comune,

(d) commentare i cambiamenti nella nomenclatura del luogo.

(2) Se il comune non segna i confini di cui al paragrafo 1, lettera a), b), l’Ufficio catastale può decidere di segnare i confini a spese del comune.

§ 39

Obblighi delle autorità pubbliche
Autorità pubbliche

a) inviare al registro fondiario le loro decisioni in materia di beni immobili emesse in virtù di un altro regolamento giuridico, che contempla contemporaneamente l’obbligo dell’autorità pubblica di inviare una decisione, consenso, notifica o altro atto al registro fondiario entro 30 giorni dal giorno in cui la decisione entra in vigore o entro 30 giorni dal loro rilascio; i documenti sulla base dei quali il deposito è effettuato nel catasto, le autorità pubbliche, ad eccezione dei tribunali e degli esecutori giudiziari, non inviano l’ufficio catastale,

b) sono obbligati, entro un ragionevole periodo di tempo, se il documento da loro emesso per la registrazione nel catasto contiene errori di scrittura, numeri o altri errori palesi, a comunicare all’Ufficio catastale la sua richiesta di correggere i dati o il documento, se consentito da un altro regolamento legale,

(c) confermare che le informazioni contenute nella domanda di registrazione nel catasto relative alla loro giurisdizione sono vere quando la registrazione proposta non è richiesta da una decisione o da un’altra misura da parte di un’autorità pubblica;

d) fornire gratuitamente agli uffici catastali, su loro richiesta, i dati necessari per la gestione del catasto dai loro sistemi informatici.

Ripristino della documentazione catastale
§ 40

(1) Il rinnovo del documento catastale è la produzione di una nuova serie di informazioni geodetiche e una nuova serie di informazioni descrittive in formato elettronico, che devono essere eseguite

a) nuova mappatura,

(b) rielaborazione del file di informazioni geodetiche; \ tor. \ t

c) sulla base dei risultati del consolidamento del territorio.

(2) L’ufficio catastale viene di solito rinnovato nella misura del territorio catastale.

(3) L’ufficio catastale avvia il rinnovo dell’ufficio catastale senza proposta. Se il rinnovo del documento catastale deve essere effettuato conformemente al paragrafo 1, lettera a). a) ob), l’ufficio catastale comunica al comune interessato il suo inizio.

(4) Quando si rinnova il file catastale, la mappa catastale deve essere integrata con i lotti di terreno registrati in modo semplificato fintanto che la qualità della visualizzazione originale lo consente.

(5) Se il proprietario dell’immobile, oggetto del rinnovo della documentazione catastale, è deceduto e il tribunale non ha ancora deciso per legge, il tribunale si pronuncia in caso di rinnovo della documentazione catastale dell’amministratore o esecutore testamentario della volontà e, in caso negativo, degli eredi che non hanno rifiutato l’eredità. L’Ufficio catastale ha il diritto di richiedere al tribunale una comunicazione su queste persone.

§ 41

Il rinnovo del file catastale mediante una nuova mappatura deve essere effettuato se la determinazione geometrica e posizionale della proprietà a causa di un numero considerevole di modifiche, precisione insufficiente o scala della mappa catastale utilizzata non soddisfa più i requisiti attuali per la gestione del catasto, o se la documentazione catastale viene persa, distrutta o danneggiata. che non è possibile o opportuno ricostruirlo da documenti documentali di base.

§ 42

(1) Il rilevamento del percorso del confine per il rinnovo del file catastale da parte di una nuova mappatura (in seguito denominato “rilevamento di frontiera”) viene effettuato in base allo stato attuale nel campo. Altri dati contenuti nel catasto possono anche essere controllati per il rilevamento dei confini. Il rilevamento delle frontiere è effettuato da un comitato composto da dipendenti della sede catastale e da rappresentanti del comune e organismi designati dall’ufficio catastale. Il presidente della Commissione è un dipendente dell’ufficio catastale o un ispettore autorizzato ufficialmente nominato dal direttore dell’ufficio catastale. Il rilevamento di frontiera viene effettuato con la partecipazione di proprietari e altri legittimi.

(2) Nel determinare i confini, il presidente della commissione è obbligato a richiamare l’attenzione sull’incoerenza dell’andamento effettivo del confine con tutte le persone presenti nel file catastale valido.

(3) Il presidente della Commissione redige una relazione sui risultati dell’indagine di frontiera. I proprietari e gli altri, oi loro rappresentanti, firmano il loro protocollo firmando il loro accordo con il corso e segnando i confini sul campo.

(4) Se vi è una contraddizione nei diritti dei proprietari e di altre rivendicazioni legittime sull’andamento delle particelle terrestri, i limiti contenuti nel file catastale devono essere considerati validi. Deve essere contrassegnato come discutibile nei risultati dell’indagine di confine e nel file catastale rinnovato.

(5) Se i confini del territorio catastale sono identici ai confini dello Stato, il Ministero dell’Interno fornirà all’ufficio ceco di rilevamento, mappatura e catasto informazioni sul loro percorso.

(6) L’ assenza del proprietario e dell’altro beneficiario nella determinazione delle frontiere non ostacola l’uso dei risultati delle indagini di frontiera per produrre nuove serie di informazioni geodetiche e descrittive.

§ 43

Al momento del rinnovo della documentazione catastale mediante rilavorazione, la mappa catastale esistente viene convertita in forma elettronica.

§ 44

Il ripristino della documentazione catastale utilizzerà i risultati di un complesso consolidamento del territorio. In tal caso, la designazione della forma, dimensione e posizione della proprietà per le coordinate dei punti dei suoi confini secondo la proposta di consolidamento del terreno approvata è considerata la determinazione geometrica e posizionale della proprietà. L’ufficio catastale utilizzerà i risultati di un semplice consolidamento del territorio per il rinnovo della documentazione catastale se una parte catastale continua è interessata da un semplice consolidamento fondiario e viene considerata appropriata in relazione all’effettiva amministrazione del catasto. Nei territori in cui l’ufficio catastale viene rinnovato sulla base dei risultati del consolidamento del territorio, le disposizioni della sezione 45 non si applicano.

§ 45

(1) L’ ufficio catastale deve scaricare una nuova serie di informazioni geodetiche per un periodo di almeno 10 giorni lavorativi e una serie di informazioni descrittive (di seguito “operazione catastale rinnovata”) nel comune in cui l’ufficio catastale viene rinnovato per l’ispezione pubblica.

(2) Il comune deve annunciare la data e l’ora dello scarico della documentazione catastale rinnovata almeno 30 giorni prima del suo scarico sulla bacheca ufficiale, possibilmente anche nel modo usuale. Allo stesso tempo, annuncerà che la nuova operazione catastale entrerà in vigore alla data specificata dall’ufficio catastale. I proprietari e gli altri aventi diritto che non hanno una residenza permanente o sede nel comune devono inviare all’Ufficio Catastrofico un avviso di tali fatti almeno 30 giorni prima dello scarico della documentazione catastale rinnovata.

(3) I proprietari e altre autorizzazioni possono presentare obiezioni sul contenuto dell’operazione catastale rinnovata durante lo scarico del documento catastale rinnovato e entro 15 giorni dalla data di cessazione dello scarico. L’ufficio catastale decide sulle obiezioni.

§ 46

(1) L’ ufficio catastale deve dichiarare valida la nuova operazione catastale se non sono state presentate obiezioni contro il contenuto della custodia rinnovata entro il termine previsto o se è stata finalmente presa una decisione sulle obiezioni. Se alcune delle obiezioni non sono ancora state finalizzate, l’Ufficio catastale può dichiarare il rinnovo dell’operazione catastale solo se la catastale è indicata nel catasto. Dopo che la decisione sulle obiezioni è entrata in vigore, l’ufficio catastale rimuove questo marchio.

(2) L’operazione catastale esistente diventa invalida il giorno del rinnovo del documento catastale rinnovato e una operazione catastale rinnovata è ancora in uso.

(3) Se il documento catastale rinnovato entra in vigore alla data specificata da un’altra norma legale, l’ufficio catastale dichiara la nuova operazione catastale con la data della sua validità non appena viene a conoscenza della sua validità.

(4) L’ufficio catastale e il comune pubblicano il rinnovo del catasto rinnovato sulla bacheca ufficiale.

Attività topografiche e piani geometrici
§ 47

(1) Le attività di rilevamento ai fini del catasto sono utilizzate per creare dati di rilievo per le modifiche dell’insieme delle informazioni geodetiche di un file catastale valido, il rinnovo di una serie di informazioni geodetiche e la delimitazione dei confini terrestri. I loro risultati devono essere elencati nel sistema di coordinate vincolanti della Rete unificata trigonometrica catastale.

(2) Le basi geometriche delle attività di rilevamento sono punti del campo del punto di posizione.

§ 48

(1) Piano geometrica è parte integrante dello strumento con cui deve essere effettuata la registrazione dei terreni, se necessario, soggetti a registrazione di mappe catastali spettacolo, se è per essere raffinato la sua determinazione geometrici e di posizione o se i confini del corso nominati dal tribunale.

(2) Il piano geometrico deve essere verificato in conformità con le normative legali applicabili e con l’approvazione dell’ufficio catastale con la numerazione dei lotti.

§ 49

(1) La delimitazione dei confini terrestri è un’attività di rilevamento in cui la posizione dei punti di interruzione dei confini terrestri è indicata nel campo in base ai dati del catasto sulla loro determinazione geometrica e posizionale.

(2) L’ accuratezza della demarcazione è determinata dalla precisione dei dati catastali esistenti sulla determinazione geometrica e sulla posizione del terreno.

(3) I proprietari delle terre interessate devono essere invitati a familiarizzare con i risultati della demarcazione.

(4) Un piano geometrico deve essere redatto per il decorso della particella terrestre specificata o specificata, a condizione che nel registro fondiario sia inserita una determinazione geometrica e posizionale più precisa del terreno e della corrispondente area delimitata.

§ 50

Modifica dei dati geometrici e posizionali
(1) Variazione di dati sulla determinazione geometrici e di posizione sulla base di demarcazione delle terre e le specifiche dei confini terrestri, chiarimento o di ricostruzione allocazioni, o di determinare i confini di terra è stato scritto su richiesta del proprietario o altro autorizzato il cui attaccamento è

a) un documento attestante la conformità dei proprietari nel corso del pacco o

(b) una decisione giudiziaria sulla determinazione del confine terrestre.

(2) La specificazione dei dati di registrazione del catasto sulla determinazione geometrica e sulla posizione del terreno non modifica i diritti sulla terra.

(3) Le disposizioni relative alla registrazione di un registro si applicano mutatis mutandis all’inserimento di un cambiamento di dati ai sensi del paragrafo 1.

§ 51

Obbligo di dati catastali
I dati del catasto, ovvero il numero di pacco, la designazione geometrica della proprietà, il nome e la designazione geometrica del territorio catastale, sono vincolanti per i procedimenti giudiziari relativi agli immobili tenuti nel catasto.

Il catasto pubblico
§ 52

(1) Ogni individuo ha il diritto di ispezionare il catasto, di fare copie, estratti o schizzi del catasto per suo uso personale e di ottenere dati dalla raccolta di documenti, salvo diversa indicazione.

(2) Non è possibile ottenere dati dal catasto dalla panoramica della proprietà dal territorio della Repubblica ceca, dalla raccolta di documenti e dai prezzi immobiliari ottenuti.

(3) Se la panoramica della proprietà dal territorio della Repubblica ceca o le informazioni sui prezzi degli immobili realizzati non sono fornite in modo da consentire l’accesso remoto, possono essere fornite solo a una persona che dimostri la sua identità.

(4) La fornitura di dati dalla raccolta di documenti del catasto o catasto deve essere fornita fornendo informazioni verificate o semplici

(a) copie di documenti in formato cartaceo, \ t

b) prodotti risultanti dal trasferimento di documenti su supporto cartaceo in formato elettronico o dal trasferimento di documenti in formato elettronico su supporto cartaceo, qualora tali documenti fossero, al momento della consegna all’ufficio catastale, firmati in un modo connesso ad un altro atto giuridico in relazione all’esecuzione del suo gli effetti di una firma manoscritta, sigillata da un sigillo elettronico riconosciuto o un segno elettronico,

c) duplicati di documenti in formato elettronico, se questi documenti sono stati firmati al momento della consegna all’Ufficio Catastale in un modo, con il quale un’altra normativa legale collega gli effetti di una firma manoscritta, sigillata con un sigillo elettronico riconosciuto o contrassegnata da un marchio elettronico.

Questa informazione può essere fornita solo a una persona che dimostra la sua identità. L’ufficio catastale non è responsabile per il contenuto del documento. L’Ufficio catastale non verifica il documento il cui originale o copia è illeggibile.

(5) L’ Ufficio catastale tiene un registro delle persone a cui ha fornito i dati ai sensi dei paragrafi 3 e 4.

§ 53

I dati del catasto possono essere utilizzati solo per gli scopi specificati nella Sezione 1 (2).

§ 54

(1) L’ ufficio ceco di rilevamento, mappatura e catasto ha lo status di amministratore dei dati personali registrati nel catasto.

(2) Gli uffici catastali hanno lo status di processori di dati personali registrati nel catasto.

Fornitura di dati catastali
§ 55

(1) L’ Ufficio catastale deve, su richiesta, redigere un estratto, una copia o una copia della documentazione catastale, nonché l’identificazione delle aree.

(2) Dichiarazioni, copie o copie della documentazione catastale, nonché l’identificazione di appezzamenti predisposti dal catasto nella forma stabilita dalla normativa di attuazione, sono documenti pubblici che attestano lo stato registrato nel catasto nel momento in cui sono indicati. Se i dati catastali forniti sono conservati in formato elettronico, sono forniti da qualsiasi ufficio catastale dell’intero territorio della Repubblica ceca.

(3) Ognuno può ottenere l’accesso remoto ai dati del catasto tramite mezzi elettronici attraverso una rete informatica a pagamento e alle condizioni stabilite da un regolamento di attuazione.

(4) I dati del catasto devono essere forniti anche in altra forma stabilita da un regolamento di attuazione. Se la legge prevede l’obbligo per gli uffici catastali di trasmettere tali dati ad altre autorità pubbliche, ciò viene effettuato gratuitamente.

(5) I dati catastali nella forma di cui ai paragrafi 3 e 4 devono essere forniti alle unità territoriali autonome per l’esercizio delle loro competenze a titolo gratuito. I dati del catasto nella forma di cui al paragrafo 3 devono anche essere forniti alle unità organizzative statali a titolo gratuito per l’esercizio dei loro poteri.

(6) Sulla base dei dati del catasto, è fornito un servizio per il monitoraggio delle modifiche nel catasto, che fornisce informazioni ai proprietari e ad altre persone autorizzate sullo stato di avanzamento delle registrazioni per via elettronica.

(7) Le panoramiche riassunte del fondo catastale sono create dai dati del catasto, che l’ufficio ceco di rilevamento, mappatura e catasto pubblica in modo da consentire l’accesso remoto.

§ 56

Il catasto rilascia uscite certificate dal sistema informativo della pubblica amministrazione in base ad un’altra regolamentazione legale.

PARTE QUARTA

REATI
§ 57

(1) Una persona fisica, giuridica o imprenditoriale naturale commette un reato:

a) utilizza i dati del catasto in violazione della sezione 1 (2);

b) in violazione della sezione 53, diffondere i dati del catasto senza il consenso dell’Ufficio ceco per la topografia, la mappatura e il catasto.

(2) Una persona fisica, giuridica o imprenditoriale naturale, in qualità di proprietario o altra persona autorizzata, commette un reato:

a) in violazione dell’articolo 37, paragrafo 1, lettera a) a) non assiste alla riunione su richiesta della Segreteria o invia il proprio rappresentante a questa riunione

b) non riesce a segnare i confini fissi del proprio terreno in modo permanente ea proprie spese entro il termine stabilito ai sensi dell’articolo 37 (1) (a); b)

c) contravvenendo alla sezione 37 (1) (a). c) non riesce a compilare i dati mancanti entro il termine stabilito dalla consegna della richiesta o non riesce a correggere gli errori nei documenti che sottopone alla registrazione nel Catasto,

d) omette di notificare all’ufficio del catasto le variazioni dei dati catastali relativi al suo patrimonio immobiliare entro il termine previsto ai sensi dell’articolo 37, paragrafo 1, lettera a). d).

(3) Una multa fino a CZK 50000 può essere imposta per un reato ai sensi dei paragrafi 1 e 2. Se un reato di cui ai paragrafi 1 e 2 è commesso da una persona fisica o giuridica, può essere imposta una multa fino a 100.000 CZK.

§ 58
abrogato

§ 59

I reati previsti dalla presente legge sono discussi dall’Ufficio catastale.

PARTE QUINTA

DISPOSIZIONI COMUNI, TRANSITORIE E FINALI
§ 60

Ai fini dell’incorporazione nella raccolta di documenti, l’Ufficio catastale può trasferire da un modulo elettronico un documento sotto forma di messaggio di dati, firmato in un modo in cui un altro atto giuridico in relazione all’esercizio delle sue competenze incide sugli effetti di una firma manoscritta, sigillata da un sigillo elettronico riconosciuto o contrassegnato con un marchio elettronico e presentato per la registrazione nel registro fondiario, in forma cartacea. Una volta trasferito, l’Ufficio catastale non conferma l’accuratezza e la veridicità dei dati contenuti nel documento sotto forma di un messaggio di dati. La fornitura di copie di documenti conservati in formato elettronico nella Raccolta di documenti deve essere trattata allo stesso modo.

§ 61

Il personale degli uffici catastali e i membri del Comitato per le ispezioni di frontiera hanno il diritto di accedere al terreno nella misura necessaria e di svolgere attività di attraversamento e rilevamento ai fini del catasto alle condizioni stabilite da un’altra normativa.

§ 62

(1) Le terre i cui confini non esistono sul campo e sono fuse in unità terrestri più grandi devono essere registrate nel registro fondiario in modo semplificato utilizzando il precedente catasto fino al momento del completamento del consolidamento del terreno secondo un’altra regolamentazione legale. libri di terra e relative operazioni di razionamento e consolidamento e registrazione immobiliare.

(2) I terreni registrati nel catasto a norma del paragrafo 1 sono considerati terreni ai sensi della presente legge ai fini della registrazione dei diritti. I record semplificati sono considerati parte della documentazione catastale. Gli uffici catastali hanno almeno fino a quando la terra non si è registrata in modo semplificato alle mappe catastali in custodia dei libri di terra e ferrovia e delle operazioni dell’ex catasto fondiario. Da questi documenti, l’ufficio catastale produrrà estratti, copie o copie su richiesta.

(3) Si ritiene che i privilegi iscritti nel registro fondiario dall’ex registro fondiario, catasto fondiario o libretto ferroviario siano scaduti. L’ufficio catastale cancellerà questi privilegi dal catasto sulla base dell’annuncio del proprietario della proprietà a cui il pegno è scritto, scritto sotto forma di atto notarile.

§ 63

(1) I dati nel catasto devono essere conservati in conformità alle vigenti disposizioni di legge finché i singoli dati registrati non sono influenzati dal cambiamento. Gli uffici catastali sono autorizzati a portare le iscrizioni nel catasto in conformità con la presente legge anche prima d’ufficio.

(2) I dati relativi a un edificio registrato ai sensi delle precedenti disposizioni legali sono considerati edifici permanenti, a meno che i dati del catasto non indichino che l’edificio è temporaneo. Se il proprietario di questo edificio o altra persona autorizzata dimostra che si tratta di un edificio temporaneo, l’ufficio catastale aggiunge questo fatto al catasto.

(3) I documenti redatti prima della data di entrata in vigore della presente legge e che soddisfano i requisiti previsti dalla normativa vigente devono essere documenti di deposito, anche se non soddisfano i requisiti prescritti da questa o altra legge. I requisiti mancanti devono includere una proposta di deposito.

(4) Le iscrizioni nel registro fondiario sulla base di documenti consegnati al registro catastale prima della data effettiva della presente legge devono essere completate in conformità con le vigenti disposizioni di legge.

(5) I dati sui prezzi immobiliari raggiunti dai documenti consegnati per la registrazione nel catasto prima della data di entrata in vigore della presente legge non saranno aggiunti al catasto.

(6) Se i dati nel catasto indicano che il proprietario terriero è anche il proprietario dell’edificio che è costruito sul terreno, il diritto di proprietà sull’edificio viene trasferito o un altro diritto reale viene creato nello stesso momento del terreno, anche se successivamente che l’edificio non fa parte della terra.

§ 64

(1) Nei casi in cui una decisione o un certificato di un’autorità pubblica deve essere ottenuto come atto di registrazione nel catasto e la persona ancora registrata nel catasto come il proprietario o altro creditore non è contrassegnato con certezza come richiesto dalla presente legge e quindi non può essere identificato nei procedimenti dinanzi a tale autorità, le informazioni richieste dalla legge sulla base della quale può essere rilasciata la decisione o il certificato dell’autorità pubblica devono essere accompagnate dall’indicazione di tale persona, nota dal catasto, nel procedimento dinanzi a tale autorità e nella procedura di registrazione.

(2) Se una persona iscritta nel catasto come il proprietario è contrassegnata come specificato nel paragrafo 1, e il record su di esso non consente la sua identificazione sufficiente, l’Ufficio ceco di rilevamento, mappatura e catasto trasmetterà i dati su questa proprietà e il suo proprietario noti dalle voci nel Catasto dell’Ufficio per rappresentare lo stato in materia di proprietà.

§ 65

(1) L’Ufficio per la Rappresentanza dello Stato in Questioni di proprietà acquisirà i dati sugli immobili di cui all’articolo 64 (2) e i dati noti sul suo proprietario e ne terrà registri. Pubblica tali registrazioni, compresi i dati noti sul proprietario registrato, sul proprio sito Web in modo da consentire l’accesso remoto. Allo stesso tempo, inoltra tali dati all’ufficio municipale del comune nel cui territorio è situata la proprietà.

(2) L’autorità comunale pubblica i dati accettati conformemente al paragrafo 1 sul consiglio di amministrazione ufficiale.

(3) La pubblicazione di cui ai paragrafi 1 e 2 deve includere anche una richiesta al proprietario di registrarsi per la proprietà della proprietà quotata presso l’Ufficio per la Rappresentanza dello Stato in Affari di proprietà. L’invito deve fornire indicazioni sulle conseguenze che possono verificarsi se il proprietario non si registra entro il termine stabilito da un’altra legge per la proprietà da considerare come abbandonata.

(4) L’Ufficio per la rappresentanza dello Stato in materia di proprietà, in cooperazione con l’autorità municipale, deve anche condurre un’indagine per rintracciare il proprietario nei registri disponibili, in particolare nel registro e nei registri di base, nell’agenda degli archivi di popolazione e nel sistema di informazione degli studenti di stranieri. Tuttavia, l’autorità comunale agisce con una competenza delegata.

(5) Se l’Ufficio per la Rappresentanza dello Stato scopre in materia di proprietà in conformità con il paragrafo 4, la persona che possiede la proprietà, deve invitare per iscritto la persona a presentare documenti comprovanti la sua proprietà alla relativa sede catastale o ad esercitare i suoi diritti di proprietà in procedimenti civili.

(6) Se si applica l’Ufficio di Rappresentanza del Governo in questioni di proprietà, che rivendica di essere il proprietario della proprietà di cui al paragrafo 1, l’Ufficio della Rappresentanza del Governo in questioni di proprietà lo inviterà per iscritto a presentare i documenti che ne attestano la proprietà al Registro fondiario o ad applicarne i diritti di proprietà nei procedimenti civili.

(7) Lo stato nei procedimenti giudiziari ai sensi dei paragrafi 5 e 6 funge da convenuto. In questi procedimenti, l’Ufficio per la Rappresentanza dello Stato in Questioni di proprietà agisce in questi casi.

(8) Se l’Ufficio per la Rappresentanza dello Stato scopre in materia di proprietà in conformità con il paragrafo 4 che il proprietario registrato non vive, deve avviare un procedimento nel patrimonio ereditato dal tribunale competente per i procedimenti sulla proprietà ai sensi di un’altra legge e gli fornisce le informazioni sul proprietario registrato e sui suoi beni ; se la sua residenza non è nota, presenterà una denuncia dinanzi al tribunale nel cui distretto si trova la proprietà in questione.

(9) Se il proprietario non riesce a scoprire e se il periodo scade invano, dopo di che, in base ad un’altra legislazione, la proprietà è considerata abbandonata, è considerata come abbandonata; l’ulteriore procedura è regolata dalle norme legali che regolano la gestione dei beni demaniali.

§ 66

(1) L’ ufficio ceco per la topografia, la mappatura e il catasto deve stipulare

a) il contenuto dell’insieme delle informazioni geodetiche nella misura specificata al § 5 par. a) in modo tale da contenere i dati necessari per l’adempimento degli scopi a cui il catasto serve ai sensi dell’articolo 1, paragrafo 2,

b) il contenuto delle informazioni descrittive impostato nella misura specificata nel § 5 par. b) in modo tale che contenga i dati necessari per l’adempimento degli scopi a cui il catasto serve ai sensi della Sezione 1 (2),

c) attività nell’amministrazione e rinnovo della documentazione catastale nella misura necessaria per l’aggiornamento dei dati, che sono, secondo il § 4, il contenuto del catasto,

d) un modulo per la presentazione di una petizione per l’apertura di un procedimento per un deposito, il cui contenuto è definito nella sezione 14 (1),

e) la procedura per verificare l’autenticità delle firme sui documenti privati ​​per la registrazione nel catasto, a meno che le firme non siano ufficialmente verificate,

(f) formati e altri parametri tecnici dei documenti elettronici accettati per la registrazione dei diritti, sufficienti a mantenerne la leggibilità e la redditività a lungo termine;

g) i documenti per la registrazione nel catasto nei casi in cui la legge stabilisca che un dato fatto inserito nel catasto si manifesti, cambi, scada o scada, ma non stipula un atto in base al quale il cambiamento è inserito nel catasto,

(h) Attività di rilevamento a fini catastali, redazione di piani geometrici e delimitazione dei confini terrestri nella misura necessaria per condurre e gestire un insieme di informazioni geodetiche

(i) delimitare in modo permanente i confini territoriali dei comuni e delle frontiere terrestri in modo che tali confini possano essere trovati sul campo;

j) le condizioni per la fornitura e la diffusione di dati dal catasto e la forma dei dati forniti, in modo che siano conformi alle finalità di cui alla sezione 1 (2) e ai relativi oneri, in modo che il totale delle entrate non superi i costi di raccolta dei dati catastali; , riproduzione e diffusione,

(k) le condizioni per la fornitura di un servizio per tenere traccia delle modifiche nel catasto, informando i proprietari e gli altri autorizzati dai mezzi elettronici della procedura di registrazione.

(2) Per la determinazione delle indicazioni di cui al paragrafo 1, lettera a). (a), (c), (h) e (i), possono essere utilizzati i valori e le procedure stabiliti dalla norma tecnica ceca.

§ 67

Viene eliminato:

1. Legge n. 265/1992 Coll., Sulla registrazione di proprietà e altri diritti reali immobiliari.

2. Art. Della legge n. 210/1993 Racc., Che modifica e integra la legge n. 92/1991 Racc., Sulle condizioni per il trasferimento di proprietà demaniale ad altre persone, modificata dalla legge n. 92/1992 Coll., Legge n. 264/1993 Coll. / 1992 Coll., Legge n. 541/1992 Coll. e Legge n. 544/1992 Coll., Atto del Consiglio nazionale ceco n. 171/1991 Coll., sulla competenza delle autorità della Repubblica ceca in materia di trasferimenti di beni demaniali ad altre persone e sul fondo di proprietà nazionale della Repubblica ceca, come modificato dalla legge del Consiglio nazionale ceco n. 285/1991 Coll., Atto del Consiglio nazionale ceco n. 438/1991 Coll., Atto del Consiglio nazionale ceco n. 569/1991 Coll. e Legge n. 282/1992 Coll. e modifica la legge n. 265/1992 Racc., sulla registrazione della proprietà e altri diritti di proprietà nel settore immobiliare.

3. Legge n. 90/1996 Coll., Che modifica e integra la legge n. 265/1992 Coll., Sulla registrazione della proprietà e altri diritti nel settore immobiliare, come modificata dalla legge n. 210/1993 Coll.

4. Parte seconda della legge n. 27/2000 Coll., Che modifica alcuni atti in connessione con l’adozione della legge sulle aste pubbliche.

5. Parte quinta della legge n. 30/2000 Coll., Atto di modifica n. 99/1963 Coll., Codice di procedura civile, come modificato, e alcuni altri atti.

6. Parte terza della legge n. 120/2001 Coll., Sugli ufficiali giudiziari e sulle attività di esecuzione (codice di esecuzione) e sugli emendamenti ad altri atti.

7. Parte seconda della legge n. 59/2005 Coll., Atto di modifica n. 99/1963 Coll., Codice di procedura civile, come modificato, e alcuni altri atti.

8. Parti trentunesimo e trentaduesimo della legge n. 186/2006 Coll., Sulla modifica di alcuni atti relativi all’adozione della legge sull’edilizia e della legge sull’espropriazione.

9. Parte 19 della legge n. 296/2007 Coll., Legge di modifica n. 182/2006 Coll., In materia di fallimento e metodi della sua risoluzione (legge sull’insolvenza), come modificata, e alcuni atti in connessione con la sua adozione.

10. Parte quinta della legge n. 286/2009 Coll., Atto modificativo n. 120/2001 Coll., Sugli ufficiali giudiziari e le attività di esecuzione (ordine esecutivo) e sugli emendamenti ad altri atti, come modificato, legge n. 119/1998 Coll. Coll. 2001, che stabilisce norme per casi di applicazione simultanea di decisioni, legge n. 262/2006 Coll., Codice del lavoro, e successive modifiche, legge n. 99/1963 Coll., Codice di procedura civile, come modificata, Legge n. 265/1992 Coll., Sulla registrazione della proprietà e altri diritti reali immobiliari, come modificata, legge n. 7/2002 Coll., Sui procedimenti in materia di giudici e procuratori, come modificata, e legge n. 283/1993 Coll., Sulla Procura della Repubblica, come modificato.

11. Prima parte della legge n. 349/2011 Coll., Legge n. 265/1992 del coll., Sulla registrazione della proprietà e altri diritti di proprietà nel settore immobiliare, come modificata, e legge n. 634/2004 Coll. sulle spese amministrative, come modificato.

12. Parte settecentesca della legge n. 396/2012 Coll., Atto di modifica n. 99/1963 Coll., Codice di procedura civile, come modificato, e altri atti correlati.

13. Parte ventisettesima della legge n. 503/2012 Coll., Sull’ufficio del Land di Stato e sulle modifiche ad alcuni atti correlati.

14. Legge n. 344/1992 Coll., Sul catasto immobiliare della Repubblica ceca (atto catastale).

15. Art. I della legge n. 89/1996 Racc., Che modifica e integra l’atto del Consiglio nazionale ceco n. 344/1992 Racc., Sul catasto immobiliare della Repubblica ceca (atto catastale), e il codice civile n. 40/1964 Coll., Come modificato regolamenti successivi.

16. Parte seconda della legge n. 103/2000 Coll., Atto modificativo n. 72/1994 Racc., Che disciplina alcuni rapporti di comproprietà con edifici e determinati rapporti di proprietà con appartamenti e locali non residenziali e integra alcune leggi (legge sulla proprietà) Legge n. 344/1992 Coll., Sul catasto immobiliare della Repubblica ceca (atto catastale), modificata dalla legge n. 89/1996 Coll., Legge n. 586/1992 Coll. di reddito, come modificato, legge n. 549/1991 Coll., sulle spese processuali, come modificata, legge n. 40/1964 Coll., codice civile, come modificato, e legge n. 357/1992 Coll. ., sulla tassa di successione, imposta sui regali e tassa sul trasferimento immobiliare, come modificata.

17. Parti 1 e 2 della legge n. 120/2000 Coll., Atto modificativo n. 344/1992 Racc., Sul catasto immobiliare della Repubblica ceca (atto catastale), e successive modifiche, legge n. 284/1991 coll. , sul consolidamento fondiario e sugli uffici fondiari, come modificato, e legge n. 200/1994 Racc., su rilievo e emendamenti e supplementi a determinati atti relativi alla sua attuazione.

18. Art. Legge n. 220/2000 Coll., Sugli emendamenti a determinati atti in relazione alla legge sulla proprietà della Repubblica ceca e la sua recitazione nelle relazioni giuridiche.

19. Parte quinta della legge n. 53/2004 Racc., Che modifica alcune leggi relative all’area di registrazione della popolazione.

20. Parte Seventeen della legge n. 342/2006 Coll., Che modifica alcune leggi relative all’area di registrazione della popolazione e alcune altre leggi.

21. Parte quarta della legge n. 269/2007 Coll., Emendamento legge n. 365/2000 Coll., Sui sistemi informativi della pubblica amministrazione e che modifica alcuni altri atti, e successive modifiche e altri atti connessi.

22. Legge n. 8/2009 Coll., Atto modificativo n. 344/1992 Coll., Sul catasto immobiliare della Repubblica ceca (atto catastale) e successive modifiche.

23. Parte trentaduesimo della legge n. 227/2009 Coll., Che modifica alcuni atti in connessione con l’adozione della legge sui registri di base.

24. Parte ottava della legge n. 167/2012 Coll., Atto modificativo n. 499/2004 Coll., Sul servizio di archiviazione e archiviazione e sugli emendamenti a determinati atti, come modificato, legge n. 227/2000 Coll. firma elettronica e modifica di alcuni altri atti (legge sulla firma elettronica), come modificata, e altri atti correlati.

25. Ordine governativo n. 111/2001 Coll., Sul confronto e sull’accettazione dei dati dal catasto di beni immobili della Repubblica ceca e del registro della popolazione.

26 Decreto n. 162/2001 Coll., Sulla fornitura di dati del catasto della Repubblica Ceca, come modificato dal decreto n. 460/2003 Coll., Decreto n. 345/2004 Coll., Decreto n. 44/2005 Coll., Decreto N. 457/2006 Coll., Decreto n. 50/2008 Coll. e Decreto n. 76/2009 Coll.

27. Decreto n. 26/2007 Coll., Atto di esecuzione n. 265/1992 Coll., Sull’iscrizione della proprietà e altri diritti nel settore immobiliare, come modificato, e legge n. 344/1992 Coll., In catasto di Real Estate della Repubblica Ceca (atto catastale), come modificato (decreto catastale), come modificato dal decreto n. 164/2009 Coll.