Costituzione società, costituire ditte, S.R.L. ceche, S.r.o. ceche a Praga, Repubblica Ceca.

 

 

LEGGE

del 3 febbraio 2012

Codice civile

Il Parlamento ha approvato questo atto della Repubblica ceca:

PARTE PRIMA

PARTE GENERALE
TITOLO I

OGGETTO DEL MATERIALE EI SUOI ​​PRINCIPI DI BASE
Parte 1

Diritto privato
§ 1

(1) Le disposizioni dell’ordinamento giuridico che disciplinano i diritti e gli obblighi reciproci delle persone costituiscono nella loro interezza il diritto privato. L’applicazione del diritto privato è indipendente dall’applicazione del diritto pubblico.

(2) Salvo espressamente proibito dalla legge, le persone possono negoziare diritti e obblighi in deroga alla legge; sono vietate le violazioni di buoni costumi, l’ordine pubblico o lo status delle persone, incluso il diritto alla protezione della personalità.

§ 2

(1) Qualsiasi disposizione di diritto privato può essere interpretata solo in conformità con la Carta dei diritti e delle libertà fondamentali e con l’ordine costituzionale in generale, con i principi su cui si basa questa legge, nonché con i valori che la proteggono. Se l’interpretazione di una disposizione individuale si interrompe solo nelle sue parole con questo ordine, deve cedere ad essa.

(2) Un significato giuridico non può avere un significato diverso da quello che deriva dal reale significato delle parole nella loro interrelazione e dalla chiara intenzione del legislatore; tuttavia, nessuno può invocare le parole di una legge contro il suo significato.

(3) L’interpretazione e l’applicazione della legislazione non devono essere contrarie ai buoni costumi e non devono portare a crudeltà o spietatezza offensivi ai normali sentimenti umani.

§ 3

(1) Il diritto privato protegge la dignità e la libertà dell’uomo e il suo diritto naturale di prendere la propria felicità e la felicità della sua famiglia o delle persone a lui vicine in un modo che non causi danni irragionevoli agli altri.

(2) In particolare, il diritto privato si basa sui principi che

(a) tutti hanno diritto alla protezione della propria vita e salute, nonché alla libertà, all’onore, alla dignità e alla privacy;

(b) la famiglia, la genitorialità e il matrimonio godono di una speciale protezione legale;

(c) nessuno deve subire un danno ingiustificato per mancanza di età, ragione o dipendenza; tuttavia, nessuno può ingiustamente beneficiare della propria incapacità di danneggiare gli altri,

(d) intraprendere la promessa e i contratti devono essere soddisfatti;

e) il diritto di proprietà è protetto dalla legge e solo la legge può determinare in che modo sorge il diritto di proprietà e scade a

f) a nessuno può essere negato alcun diritto a lui.

(3) Il diritto privato deriva anche da altri principi generalmente riconosciuti di giustizia e giustizia.

§ 4

(1) Resta inteso che ogni persona con diritto di pensare ha la mente della persona media e la capacità di usarla con cura ordinaria e cautela, e che tutti possono ragionevolmente aspettarselo dalla legge.

(2) Se l’ordinamento giuridico fa dipendere una conseguenza dalla propria conoscenza, si intende conoscere la conoscenza di una persona del caso considerando consapevolmente le circostanze che devono essere state evidenti a lei. Ciò si applica mutatis mutandis allorché il sistema giuridico combina una certa conseguenza con l’esistenza del dubbio.

§ 5

(1) Chiunque sia pubblicamente o in contatto con un’altra persona si iscriva ad una pratica professionale come membro di una particolare professione o condizione indica che è in grado di agire con la conoscenza e la diligenza associate alla sua professione o condizione. Se è privo di tale cura professionale, è a suo discapito.

(2) La natura o la validità di un’azione legale non può essere messa in discussione contro la volontà della parte interessata solo perché la persona che non ha l’autorizzazione necessaria per la sua attività o che è vietato farlo agisce.

§ 6

(1) Ognuno ha il dovere di comportarsi equamente nei rapporti giuridici.

(2) Nessuno può beneficiare del suo atto disonesto o illegale. Nessuno può beneficiare dello stato illegale che ha generato o controlla.

§ 7

Si ritiene che chi ha agito in un certo modo abbia agito onestamente e in buona fede.

§ 8

L’evidente abuso di diritto non gode della protezione legale.

Parte 2

Uso di regolamenti di diritto civile
§ 9

(1) Il codice civile regola lo status personale delle persone.

(2) I diritti privati ​​e personali e i diritti di proprietà sono disciplinati dal Codice Civile nella misura in cui non sono disciplinati da altre norme legali. L’utilizzo può essere visto quando la legge li invoca.

§ 10

(1) Se una causa legale non può essere decisa sulla base di una disposizione espressa, deve essere valutata in conformità con una disposizione relativa al caso legale per quanto riguarda il contenuto e lo scopo del caso legale più vicino considerato.

(2) In assenza di tale disposizione, il caso sarà esaminato in conformità ai principi di giustizia e ai principi su cui si basa questa legge, al fine di garantire che i diritti siano adeguatamente organizzati, tenendo conto della pratica della vita privata e tenendo conto dello stato della dottrina legale e della pratica consolidata. e doveri.

§ 11

Le disposizioni generali sull’istituzione, la modifica e la risoluzione dei diritti e degli obblighi derivanti dagli obblighi di cui alla parte quarta del presente atto si applicano mutatis mutandis alla formazione, alla modifica e alla risoluzione di altri diritti e obblighi privati.

Parte 3

Protezione dei diritti privati
§ 12

Chi si sente accorciato nel diritto può chiedere protezione a un’autorità pubblica (in seguito denominata “autorità pubblica”). Salvo diversa disposizione della legge, questa autorità pubblica è un tribunale.

§ 13

Chiunque cerchi protezione legale può ragionevolmente aspettarsi che la sua causa legale venga risolta in modo simile a un altro caso legale che è già stato deciso e che coincide con il suo caso in termini sostanziali; se il caso legale è stato deciso diversamente, tutti coloro che chiedono protezione legale hanno il diritto a una spiegazione convincente del motivo della deroga.

§ 14

auto-aiuto
(1) Chiunque può, in modo appropriato, prestare il proprio / i suoi diritti se il suo diritto è a rischio ed è chiaro che l’intervento dell’autorità pubblica è troppo tardi.

(2) Se una violazione non autorizzata della legge minaccia immediatamente, chiunque sia in pericolo di farlo può evitarlo con uno sforzo e significa che la persona nella sua posizione deve apparire ragionevole nelle circostanze. Tuttavia, se l’autoaiuto è diretto solo a garantire un diritto che sarebbe altrimenti vanificato, la persona che procede a farlo deve rivolgersi all’autorità pubblica competente senza indebito ritardo.

TITOLO II

PERSONE
Parte 1

Disposizioni generali
§ 15

(1) La personalità giuridica è la capacità di avere diritti e doveri nell’ambito dell’ordine legale.

(2) La giurisdizione è la capacità di acquisire per i propri diritti legali la legge e di impegnarsi in obblighi (per agire legalmente).

§ 16

Nessuno può rinunciare in parte alla personalità giuridica o alla capacità giuridica; se lo fa, lo ignora.

§ 17

(1) Solo una persona può avere ed esercitare diritti. L’obbligo può essere imposto solo a una persona e solo l’esecuzione dell’obbligazione può essere eseguita nei suoi confronti.

(2) Se qualcuno stabilisce un diritto o impone un obbligo a una persona che non è una persona, il diritto o l’obbligo è aggiunto alla persona che, secondo la natura del caso legale, appartiene.

§ 18

La persona è naturale o legale.

§ 19

(1) Ogni persona ha diritti innati, naturali, già conoscibili e quindi considerati una persona. La legge stabilisce solo limiti all’applicazione dei diritti naturali dell’uomo e alla loro protezione.

(2) I diritti naturali associati alla personalità di una persona non possono essere rubati e non possono essere arresi; se lo fa, non viene preso in considerazione. Inoltre, nessuna limitazione di tali diritti può essere ignorata nella misura contraria alla legge, ai buoni costumi o all’ordine pubblico.

§ 20

(1) Una persona giuridica è un’unità organizzata di cui la legge stabilisce di avere una personalità giuridica o la cui personalità giuridica è riconosciuta dalla legge. Una persona giuridica può, indipendentemente dall’oggetto della sua attività, avere diritti e doveri compatibili con la sua natura legale.

(2) Le persone giuridiche di diritto pubblico sono soggette alle leggi in base alle quali sono state stabilite; le disposizioni della presente legge si applicano solo se sono compatibili con la natura giuridica di tali persone.

§ 21

Lo stato è considerato un’entità legale nel settore del diritto privato. Un’altra legge stabilisce come lo stato agisce legalmente.

§ 22

(1) Un parente stretto è un parente diretto, un fratello e un coniuge o un partner ai sensi di un’altra legge che disciplina l’unione registrata (di seguito “partner”); altre persone familiari o simili sono considerate vicine l’una all’altra se l’altra persona ha motivo di provare il danno subito da uno di loro. Si ritiene che coloro che sono vicini a loro siano anche persone che sono state private o che vivono insieme.

(2) Se la legge sulla protezione dei terzi prevede condizioni speciali o restrizioni per i trasferimenti di proprietà, per il suo carico o per la consegna ad altre persone tra coloro che gli sono vicini, queste condizioni e restrizioni si applicano a atti giuridici simili tra una persona giuridica e un membro del suo corpo statutario la persona che influenza in modo significativo l’entità legale come membro o per accordo o altro fatto.

Parte 2

Persone naturali
Sezione 1

Disposizioni generali
§ 23

Una persona ha una personalità giuridica dalla nascita alla morte.

§ 24

Ogni persona è responsabile delle sue azioni se è in grado di giudicarle e controllarle. Chiunque sia colpevole, per sua colpa, si trova in una situazione in cui non sarebbe altrimenti responsabile delle sue azioni, è responsabile delle azioni intraprese in quello stato.

§ 25

Un bambino concepito è visto come nato se si adatta ai suoi interessi. Si ritiene che il bambino sia nato vivo. Ma se non sono nati vivi, li guardano come se non lo fossero mai.

§ 26

Prove di morte
(1) La morte di un uomo è manifestata da un documento pubblico esibito dopo che il corpo è stato esaminato morto.

(2) Se il corpo dei morti non può essere ispezionato in modo determinato, il tribunale dichiarerà la persona morta anche se la persona è stata coinvolta in un evento del genere che la sua morte appare certa a causa delle circostanze. Nella decisione, il tribunale determinerà il giorno valido per il giorno della morte.

§ 27

Se le conseguenze legali dipendono dal fatto che una persona è sopravvissuta a un’altra persona, e se non è sicuro di chi di loro è morto per primo, si pensa che siano morti nello stesso momento.

§ 28

(1) Se non si sa dove sia morto un uomo, si ritiene che sia successo dove è stato trovato il suo corpo.

(2) Il luogo in cui una persona dichiarata morta è quella in cui ha vissuto l’ultima volta.

§ 29

Cambio di sesso
(1) Il cambio di sesso di una persona avviene per intervento chirurgico mentre viene impedita la funzione riproduttiva e la conversione degli organi sessuali. Si ritiene che la data del cambio di sesso sia la data indicata nel certificato rilasciato dal fornitore di servizi sanitari.

(2) Il cambiamento di genere non influisce sullo stato personale di una persona, né sulle sue circostanze personali e di proprietà; tuttavia, il matrimonio o l’unione registrata cessa di esistere. Gli obblighi e i diritti di uomini e donne il cui matrimonio è cessato di esistere, il bambino comune e i loro obblighi e diritti di proprietà nel periodo successivo allo scioglimento del matrimonio si applicano mutatis mutandis agli obblighi e ai diritti dei coniugi divorziati a un figlio comune e alla loro proprietà e diritti dopo il divorzio; la corte deciderà, anche senza una proposta, in che modo ciascun genitore si prenderà cura del bambino comune in futuro.

§ 30

maggioranza
(1) L’ uomo diventa pieno di giustizia. La maggiore età ha più di diciotto anni.

(2) Prima di acquisire la maggioranza, la piena giurisdizione deve essere acquisita attraverso la concessione della capacità giuridica o del matrimonio. Il matrimonio acquisito dal matrimonio non viene perso dallo scioglimento del matrimonio o dall’annullamento del matrimonio.

minori
§ 31

Resta inteso che qualsiasi minore che non ha acquisito la piena capacità giuridica ha diritto a un’azione legale in proporzione alla maturità intellettuale e gratuita dell’età minorile.

§ 32

(1) Se, in conformità con la pratica della vita privata, un tutore legale ha dato il consenso a un minore che non ha acquisito piena capacità legale di agire o di raggiungere uno scopo particolare, il minore può, nei limiti del suo consenso, agire legalmente a meno che non sia specificamente proibito dalla legge; il consenso può essere successivamente limitato o ritirato.

(2) Se c’è più di un rappresentante legale, è sufficiente che almeno uno di essi abbia la volontà di terzi. Tuttavia, se più di un rappresentante agisce congiuntamente contro un’altra persona e non è d’accordo, nessuno di essi deve essere preso in considerazione.

§ 33

(1) Se un rappresentante legale di un minore che non ha piena capacità giuridica dà il consenso all’operatività indipendente di un’impresa commerciale o altra attività lucrativa simile, il minore diventa idoneo per gli atti associati a tale attività. È richiesto il consenso del tribunale affinché il consenso sia valido.

(2) L’autorizzazione del tribunale sostituisce una determinata condizione di età se è prevista per l’esecuzione di una particolare attività lucrativa da un altro regolamento giuridico.

(3) Il consenso può essere ritirato dal legale rappresentante solo con il consenso del tribunale.

§ 34

È vietato il lavoro dipendente di minori di età inferiore ai 15 anni o di minori che non hanno completato l’istruzione obbligatoria. Questi minori possono svolgere solo attività artistiche, culturali, pubblicitarie o sportive alle condizioni stabilite da altre leggi.

§ 35

Un minore che abbia compiuto 15 anni può impegnarsi a svolgere un lavoro dipendente in base ad un’altra legislazione. Il giorno di inizio del lavoro non deve essere un giorno che precede la data in cui il minore completa la scuola dell’obbligo.

§ 36

Un minore che non ha acquisito piena capacità giuridica non è mai, indipendentemente dal contenuto delle altre disposizioni, competente ad agire in modo indipendente su questioni per le quali il suo rappresentante legale avrebbe bisogno dell’approvazione del tribunale.

§ 37

la concessione di capacità giuridica
(1) Se un minore che non ha il pieno diritto di essere ammesso in tribunale dal tribunale propone il tribunale, se il minorenne ha raggiunto l’età di sedici anni, se la sua capacità di guadagnarsi da vivere e ottenere i suoi affari è certificata e il tutore legale è d’accordo con la proposta. di un minore. In altri casi, il tribunale concede la petizione se, per gravi motivi, è nell’interesse del minore.

(2) Alle condizioni di cui al paragrafo 1, il tribunale riconosce al minore il diritto di agire su proposta del suo rappresentante legale, se il minore accetta la petizione.

Sezione 2

Misure di supporto in violazione della capacità dell’adulto di agire legalmente
Dichiarazione preliminare
§ 38

In previsione della propria incapacità di agire legalmente, si può mostrare la sua volontà di gestire i suoi affari in un certo modo, o di essere gestito da una persona, o di diventare un tutore.

§ 39

(1) Se la dichiarazione non assume la forma di un documento pubblico, deve essere presentata da un documento privato recante una data e vistata da due testimoni; il testimone deve indicare nella conferma l’informazione con la quale può essere accertato.

(2) I testimoni possono essere solo persone che non sono interessate alla dichiarazione e al suo contenuto e non sono cieche, sorde, stupide o ignoranti della lingua in cui è fatta la dichiarazione. I testimoni devono firmare la dichiarazione ed essere in grado di confermare la capacità del richiedente di agire e il contenuto della sua dichiarazione.

(3) Se il contenuto della dichiarazione fatta dallo strumento autentico determina chi deve essere il tutore, la persona che ha scritto l’atto autentico registra la persona che ha fatto la dichiarazione, che è chiamato il tutore e che ha scritto lo strumento nell’elenco non pubblico tenuto da sotto un’altra legge.

§ 40

(1) Se la dichiarazione è fatta da una persona cieca o da una persona che non può o non può leggere o scrivere, la dichiarazione deve essere letta ad alta voce dal testimone che non ha scritto la dichiarazione. Il cieco, o la persona che non può o non può leggere o scrivere, conferma davanti ai testimoni che il documento contiene la sua vera volontà.

(2) Se la dichiarazione è fatta da una persona con disabilità sensoriali che non può leggere o scrivere, il contenuto della carta deve essere interpretato dal mezzo di comunicazione scelto da lui, il testimone che non ha scritto la dichiarazione; tutti i testimoni devono controllare il modo in cui viene trasportato il contenuto dell’atto. Chiunque faccia la dichiarazione confermerà davanti al testimone il modo scelto di comunicare che l’atto contiene la sua vera volontà.

§ 41

(1) Il ritiro esplicito di una dichiarazione richiede l’espressione della volontà fatta nella forma prescritta al § 39 (1).

(2) Se la persona che l’ha creata viene distrutta dal documento contenente la dichiarazione, ha gli effetti di un appello.

§ 42

Se la dichiarazione riguarda una questione diversa da quella del tutore e se l’efficacia della dichiarazione è legata alla condizione, il tribunale deciderà di soddisfare la condizione.

§ 43

Se le circostanze cambiano manifestamente in modo che la persona che ha fatto la dichiarazione non lo farebbe in tali circostanze o le renderebbe con altro contenuto, la corte cambierà o annullerà la dichiarazione se c’è un serio danno per la persona che rilascia la dichiarazione. Prima di prendere una decisione, la corte farà gli sforzi necessari per scoprire l’opinione della persona la cui decisione è presa, anche usando i mezzi di comunicazione che si scelgono.

§ 44

Se la dichiarazione o il suo ricorso non è valido, il tribunale ne terrà conto, a meno che non vi sia motivo di dubitare della volontà della persona che l’ha fatta.

Aiuto nel processo decisionale
§ 45

Se una persona ha bisogno di aiuto nel prendere una decisione, perché è in difficoltà nel suo disturbo mentale, anche se lui / lei non può essere limitato nel suo diritto, lui / lei può organizzare supporto con il sostenitore; i sostenitori possono essere anche di più.

§ 46

(1) Con l’Accordo di Assistenza, il Sostenitore si impegna a essere presente alle sue riunioni legali con il suo consenso, a fornirgli i dati e le comunicazioni necessari e ad assisterlo con consigli.

(2) Il Contratto entrerà in vigore alla data in cui sarà approvato da un tribunale. Se il contratto non è concluso per iscritto, le parti sono tenute a dimostrare la volontà di stipulare un contratto in tribunale. Il tribunale non approverà il contratto se gli interessi del proponente sono in conflitto con gli interessi del supportato.

§ 47

(1) Il sostenitore non deve mettere a repentaglio gli interessi promossi da un’influenza impropria, né arricchire senza giustificazione a spese dei sostenitori.

(2) Nello svolgimento delle sue funzioni, la parte contraente si conforma alle decisioni sostenute. Se la persona sponsorizzata agisce legalmente per iscritto, il sostenitore può aggiungere la sua firma, indicando la sua funzione e, se del caso, un’indicazione del sostegno che ha fornito; il proponente ha anche il diritto di opporsi all’invalidità dell’azione supportata.

§ 48

Su suggerimento di un sostenitore o proponente del processo il proponente di appello; la corte lo respingerà anche se il ricorrente viola seriamente i suoi doveri, anche senza una petizione.

Rappresentanza di un membro della famiglia
§ 49

(1) Se un disturbo mentale è impedito da un adulto che non ha un altro rappresentante dall’agire in modo indipendente, lui o lei può essere rappresentato dalla sua prole, antenato, fratello, coniuge o partner, o una persona che ha vissuto con la persona rappresentata per almeno tre anni prima di essere rappresentata.

(2) Il rappresentante deve informare il Rappresentante che lui o lei lo rappresenterà e gli spiegherà la natura e le conseguenze della sua rappresentazione. Se viene rifiutato dalla persona di essere rappresentato, non ci sarà alcuna rappresentazione; la capacità di mostrare il desiderio è sufficiente per rifiutare.

§ 50

La rappresentanza è richiesta dall’approvazione del tribunale. Prima di prendere una decisione, il tribunale farà del suo meglio per accertare l’opinione della persona rappresentata, anche utilizzando i mezzi di comunicazione scelti dalla persona rappresentata.

§ 51

Il rappresentante si preoccupa della protezione degli interessi del rappresentato e del rispetto dei suoi diritti, e che la sua vita non è in conflitto con le sue capacità e che, se non può essere ragionevolmente contraddetto, incontra le idee e i desideri speciali della persona rappresentata.

§ 52

(1) La rappresentazione si riferisce alle solite questioni che si riflettono nelle condizioni di vita della persona rappresentata. Tuttavia, il rappresentante non ha il diritto di dare il consenso ad interferire con l’integrità mentale o fisica di una persona con conseguenze permanenti.

(2) Il rappresentante può disporre delle entrate rappresentate nella misura necessaria per la fornitura degli affari usuali, secondo le circostanze della persona rappresentata; tuttavia, egli può disporre di fondi sul conto della persona rappresentata solo nella misura in cui non superi il livello di sussistenza mensile dell’individuo in base a un altro regolamento legale.

§ 53

Se viene rappresentato più di un rappresentante, è sufficiente che uno di loro agisca. Tuttavia, se più di un rappresentante agisce congiuntamente contro un’altra persona e non è d’accordo, nessuno di essi deve essere preso in considerazione.

§ 54

(1) La dichiarazione deve essere risolta se il rappresentante lo consegna o se il rappresentante si rifiuta di rappresentarlo ulteriormente; la capacità di mostrare il desiderio è sufficiente per rifiutare. La rappresentanza scade anche se il tribunale nomina il tutore rappresentato.

(2) In caso di conclusione di un contratto decisionale, l’efficacia del contratto cessa di esistere nella misura in cui è legalmente autorizzata ad agire.

Limitazione della legalità
§ 55

(1) La limitazione della capacità giuridica può essere affrontata solo nell’interesse della persona interessata, dopo la sua visione e con il pieno riconoscimento dei suoi diritti e della sua unicità personale. Allo stesso tempo, la portata e il grado di incapacità di una persona di prendersi cura dei propri affari devono essere attentamente presi in considerazione.

(2) È solo se c’è un danno grave per la persona e sono sufficienti misure meno moderate e meno restrittive se lui o lei non è nell’interesse dei suoi interessi.

§ 56

(1) Solo un tribunale può limitare la capacità giuridica di una persona.

(2) Il giudice si impegna a fare tutto il possibile per stabilire il parere della persona la cui giurisdizione decide, anche utilizzando i mezzi di comunicazione scelti dalla persona.

§ 57

(1) Un tribunale può limitare la capacità giuridica di una persona nella misura in cui una persona non è in grado di agire legalmente per un disturbo mentale non transitorio e definisce la misura in cui la capacità di una persona di agire in modo indipendente è stata limitata.

(2) Se una persona ha difficoltà a comunicare, non è di per sé un motivo per limitare la sua capacità legale.

§ 58

Il tribunale può, nel corso della procedura di limitazione, affidare a un terzo parti determinate azioni legali individuali o la gestione della proprietà, se necessario, per prevenire gravi danni.

§ 59

(1) Il tribunale può limitare la propria giurisdizione in relazione a una questione particolare per il periodo necessario per la sua esecuzione o per un periodo di tempo specificato non superiore a tre anni. Se è chiaro che la condizione di una persona non migliorerà in questo momento, il tribunale può limitare la sua durata a un periodo più lungo, ma non più lungo di cinque anni.

(2) Gli effetti giuridici della restrizione cessano di esistere alla scadenza del termine di prescrizione. Tuttavia, se i procedimenti per l’estensione del periodo di restrizione sono iniziati in quel momento, gli effetti giuridici della decisione originale continueranno fino alla nuova decisione, ma non oltre un anno.

§ 60

Se le circostanze cambiano, il tribunale modificherà o ritirerà immediatamente la sua decisione, anche senza una mozione.

§ 61

Se un tribunale decide di limitare la capacità legale di una persona, la persona chiamata da lui come tutore può proporre di essere nominata tutore; se la petizione non viene presentata, la corte trova la sua opinione. Se la persona è idonea alla custodia, la corte nomina il tutore con il suo consenso.

§ 62

Il tribunale nomina un tutore in una decisione che limiti la sua capacità legale. Quando si seleziona un tutore, il tribunale terrà conto del benessere del reparto, delle sue necessità e degli incentivi del benessere di coloro che sono vicini a loro e si assicurerà che il tutore non si fidi del tutore.

§ 63

Un tutore non può nominare una persona incapace di agire legalmente o una persona i cui interessi siano contrari agli interessi del tutore, o all’operatore della struttura in cui il tutore risiede o lo offre, o una persona che dipende da tale struttura.

§ 64

La decisione di limitare l’auto riluttanza non esonera una persona dal diritto di agire in modo indipendente nella vita di tutti i giorni.

§ 65

(1) Se il tutore ha agito in modo indipendente, anche se non poteva agire senza un tutore, la sua azione legale può essere dichiarata nulla valido solo se causa danni a lui. Tuttavia, se solo una modifica della portata delle funzioni detentive è sufficiente per porre rimedio alla situazione, il tribunale lo farà senza essere vincolato dalle proposte delle parti.

(2) Se il tutore agiva in modo indipendente, sebbene non potesse agire senza un tutore, la condotta del tutore è considerata valida se il tutore l’ha approvata. Questo è anche il caso in cui ha approvato tali atti giuridici che agiscono da soli dopo che è diventato legalmente competente.

Sezione 3

disperso
§ 66

(1) Per una persona scomparsa, il tribunale può dichiarare una persona che ha abbandonato la sua residenza, non ha riferito su se stesso o non è noto dove si trova. Il giudice deve indicare sulla decisione la data in cui si è verificata la dichiarazione dell’evento mancante.

(2) La dichiarazione di una persona scomparsa può essere fatta su richiesta di una persona avente un interesse legale, in particolare un coniuge o altra persona vicina, comproprietario, datore di lavoro o società in cui la persona è coinvolta.

§ 67

(1) Questa necessità non deve essere presa in considerazione nell’esame del comportamento al quale altrimenti è richiesto altrimenti consenso, consenso, consegna o altra detenzione di una persona dichiarata mancante; tuttavia, questo non si applica se si tratta del suo stato personale. Chiunque tratti il ​​problema mancante deve farlo tenendo presente i suoi interessi.

(2) Un’azione legale che si è verificata senza il consenso o altra manifestazione necessaria della volontà dei dispersi, dopo aver lasciato la sua residenza ma prima di essere dichiarata dispersa, anche se la presente dichiarazione è stata proposta senza indebito ritardo, è considerata come avvenuta con una condizione preliminare per l’emissione di una decisione che dichiari mancante.

§ 68

Se un uomo dichiarato mancante viene restituito, o se il trustee nomina la sua fortuna, la dichiarazione diventa mancante. La dichiarazione perde anche il suo effetto nel giorno in cui si svolge il giorno della morte dei dispersi.

§ 69

Una persona che è stata dichiarata dispersa non può contestare l’invalidità o l’inefficacia delle azioni legali intraprese in sua assenza a causa degli effetti di tale dichiarazione, in assenza di una richiesta della sua volontà.

§ 70

Se una persona che ha stabilito il suo gestore patrimoniale viene dichiarata assente, i diritti e gli obblighi del fiduciario nominato non sono interessati. Questo non si applica se il trustee non è conosciuto, rifiuta di agire nell’interesse del mancante, trascura le sue azioni nell’interesse del mancante o non può agire affatto.

Sezione 4

La presunzione di morte
§ 71

(1) Su richiesta di una persona avente un interesse legale, il tribunale dichiara la persona morta, di cui può ragionevolmente ritenere che sia morta, e determina il giorno da considerarsi la data della sua morte.

(2) Un uomo che è stato dichiarato morto è visto morire. Dichiarando suo marito morto, il matrimonio si estingue per un giorno considerato il giorno della sua morte; lo stesso vale per l’unione registrata.

§ 72

Se una persona è stata dichiarata dispersa e se dalla sua circostanza sorgono seri dubbi sulla sua vita, sebbene la sua morte sia insindacabile, il tribunale può dichiararlo morto su richiesta dell’interessato e determinare il giorno in cui è scomparso a quanto pare non è sopravvissuto. Si ritiene che questo giorno sia il giorno della scomparsa.

§ 73

Una persona che è stata dichiarata dispersa può essere dichiarata morta al più presto cinque anni a partire dalla fine dell’anno in cui mancava la dichiarazione. Tuttavia, questo non può essere fatto se un messaggio emerge durante questo periodo, il che suggerisce che quello mancante è ancora vivo. In tal caso, procedere secondo § 74 o 75.

§ 74

(1) Una persona che è scomparsa quando ha lasciato il suo luogo di residenza non ha riferito e non è nota per essere presente, ma non è stata dichiarata dispersa, può essere dichiarata morta al più presto sette anni dopo la fine dell’anno, quale era l’ultimo rapporto per concludere che era ancora vivo.

(2) Una persona che è scomparsa prima dei diciotto anni non può essere dichiarata morta prima della fine dell’anno in cui sono trascorsi venticinque anni dalla sua nascita.

§ 75

Una persona che è dispersa come partecipante a un evento potenzialmente letale può essere dichiarata morta al più presto tre anni dopo la fine dell’anno in cui l’ultimo rapporto sembra essere in quegli anni. eventi ancora vivi.

§ 76

(1) Se una persona è stata dichiarata morta, non esclude la prova che sia morto prima o poi, o che sia ancora vivo. Se viene trovato in vita, la dichiarazione di morte non viene presa in considerazione; tuttavia, il matrimonio o la partnership registrata non viene rinnovata.

(2) Se sono state presentate false prove di morte, il paragrafo 1 si applica mutatis mutandis.

Sezione 5

Nome e residenza dell’uomo
Il nome dell’uomo e la sua protezione
§ 77

(1) Il nome di una persona è il suo nome e cognome personale, oi suoi altri nomi, e il suo cognome alla nascita, a cui ha diritto per legge. Ogni persona ha il diritto di usare il suo nome per legge, così come il diritto di proteggere il suo nome e di rispettarlo.

(2) Una persona che usa un nome diverso dal proprio nei rapporti giuridici porta le conseguenze di errori e di svantaggio di ciò.

§ 78

(1) Una persona che è stata colpita sfidando il suo diritto a un nome o che ha subito un danno a un’interferenza non autorizzata con tale diritto, in particolare mediante l’uso non autorizzato del nome, può richiedere l’abbandono dell’intervento non autorizzato o la sua conseguenza rimossa.

(2) Se l’interessato è assente o mancante, incompetente o, per un altro motivo, incapace di esercitare il diritto di proteggere il proprio nome, può essere affermato dal proprio coniuge, antenato o partner, a meno che non abbia dato il diritto di che non desidera

(3) Se un intervento non autorizzato riguarda un cognome e se vi è un motivo per un interesse importante nella protezione della famiglia, il coniuge o un’altra persona interessata possono reclamare la protezione separatamente, anche se non è direttamente interessata dal nome.

§ 79

pseudonimo
(1) Uno pseudonimo può essere accettato da una persona per un particolare campo della sua attività o anche per un contatto privato. L’azione legale sotto pseudonimo non è dannosa se è chiaro chi ha agito e se l’altra parte non può dubitare della persona che agisce.

(2) Se uno pseudonimo arriva, gode della stessa protezione del nome.

§ 80

residenza
(1) Una persona risiede in un luogo in cui risiede con l’intenzione di vivere lì soggetto a cambiamento di circostanze in modo permanente; tale intenzione può derivare dalla sua dichiarazione o dalle circostanze del caso. Se si colloca un luogo di residenza diverso dal proprio luogo di residenza, tutti possono anche chiamare la sua residenza reale. Non si può discutere contro una persona che si affida a quel luogo in buona fede che ha la sua residenza reale in un altro luogo.

(2) Se una persona non ha un luogo di residenza, è considerata il luogo in cui vive. Se un tale luogo non può essere accertato, o se può essere accertato solo con difficoltà sproporzionata, il luogo di residenza della persona o del luogo in cui è stato l’ultimo residente è considerato la residenza della persona.

Sezione 6

Personalità umana
Sottosezione 1

Disposizioni generali
§ 81

(1) La personalità dell’uomo, inclusi tutti i suoi diritti naturali, è protetta. Tutti sono obbligati ad onorare la libera decisione dell’uomo di vivere secondo la propria.

(2) Le protezioni in particolare godono della vita e della dignità dell’uomo, della sua salute e del diritto di vivere in un ambiente favorevole, della sua serietà, onore, privacy e delle sue manifestazioni di natura personale.

§ 82

(1) Una persona la cui personalità è stata colpita ha il diritto di chiedere che l’intervento non autorizzato venga abbandonato o la sua conseguenza rimossa.

(2) Qualsiasi persona a lui vicina può richiedere la protezione della sua personalità dopo la morte di una persona.

§ 83

(1) Se un’interferenza non autorizzata con la personalità di una persona è legata alle sue attività in una persona giuridica, questa persona giuridica può anche esercitare il diritto di proteggere la sua personalità; ma nella sua vita solo con il suo nome e con il suo consenso. Se una persona non è in grado di mostrare la sua volontà di assenteismo o di incapacità di giudicare, il consenso non è richiesto.

(2) Dopo la morte di una persona, una persona giuridica può richiedere che l’intervento non autorizzato venga revocato e le sue conseguenze rimosse.

Sottosezione 2

Immagine e privacy
§ 84

È solo con il suo permesso di catturare la forma di una persona in qualsiasi modo, in modo da essere in grado di identificare la sua identità.

§ 85

(1) È solo possibile estendere la forma dell’uomo con il suo permesso.

(2) Se qualcuno accetta di ritrarre il suo modulo in circostanze che rendono evidente che sarà divulgato, accetta anche di riprodurlo e diffonderlo nel modo usuale come ragionevolmente presunto dalle circostanze.

§ 86

Nessuno può intervenire nella privacy di un altro a meno che non vi sia un motivo legittimo per farlo. In particolare, non è possibile, senza il permesso di una persona, disturbare i suoi locali privati, guardare la sua vita privata o registrare o registrare tali registrazioni personali o di altro tipo sulla vita privata di una persona, o divulgare tali documenti della sua vita privata. Anche i documenti privati ​​di natura personale sono protetti nella stessa misura.

§ 87

(1) Qualsiasi persona che abbia acconsentito all’uso di un documento di natura personale, un ritratto o una registrazione di suoni o immagini relative a una persona o alle sue manifestazioni personali può ritirare il suo consenso, anche se lo ha concesso per un certo periodo.

(2) Se l’autorizzazione concessa per un determinato periodo di tempo è stata revocata senza giustificazione per un cambiamento sostanziale delle circostanze o per altri ragionevoli motivi, deve risarcire il ricorrente per la perdita subita dalla persona che ha concesso il consenso.

§ 88

(1) L’ autorizzazione non è richiesta se il ritratto o l’audio o la registrazione video vengono acquisiti o utilizzati per esercitare o proteggere altri diritti o gli interessi di altri.

(2) Né è necessario autorizzare un ritratto, un documento personale o una registrazione audio o video ai sensi della legge per uso ufficiale o in caso di apparizione pubblica nell’interesse pubblico.

§ 89

Un ritratto o una registrazione audio o video possono anche essere acquisiti o utilizzati in modo ragionevole per scopi scientifici o artistici e per la stampa, la radio, la televisione o notizie simili senza il permesso di una persona.

§ 90

I motivi legali per l’interferenza con la privacy di un altro o per l’uso del suo ritratto, della sua natura personale o del suo audio o del suo videoregistratore non possono essere utilizzati in modo sproporzionato contrario agli interessi legittimi della persona.

Sottosezione 3

Diritto all’integrità mentale e fisica
§ 91

L’uomo è intoccabile

§ 92

(1) Il corpo umano è sotto protezione legale anche dopo la morte dell’uomo. È vietato disporre di resti umani e resti umani in modo non dignitoso per il defunto.

(2) Se i resti umani non sono conservati in un cimitero pubblico, una persona che è stata esplicitamente designata dalla persona prima della sua morte ha il diritto di emetterli; altrimenti, a poco a poco suo marito, figlio o genitore, e se nessuno di loro o se si rifiutano di prendere in consegna, il suo erede prenderà il sopravvento.

Interferenze con integrità
§ 93

(1) Ad eccezione di quanto previsto dalla legge, nessuno può interferire con l’integrità di un’altra persona senza il suo consenso dato nella conoscenza della natura dell’intervento e delle sue possibili conseguenze. Se qualcuno accetta di causargli gravi danni, questo non viene preso in considerazione; ciò non si applica se, in ogni circostanza, l’intervento è necessario nell’interesse della vita o della salute dell’interessato.

(2) Il tutore legale può concedere il consenso a interferire con l’integrità della persona rappresentata se è per il beneficio diretto della persona non in grado di dare il consenso.

§ 94

(1) Chiunque desideri eseguire un intervento su un’altra persona gli spiegherà la natura di questo intervento in modo comprensibile. Viene fornita una spiegazione quando si può ragionevolmente presumere che l’altra parte abbia compreso il modo e lo scopo dell’intervento, incluse le conseguenze previste e i possibili pericoli per la sua salute, e se qualsiasi altra procedura possa essere appropriata.

(2) Se il suo tutore legale dà il proprio consenso ad un altro, una spiegazione deve essere data anche alla persona che deve essere sottoposta all’intervento, se è in grado di giudicare, in modo appropriato alla comprensione della spiegazione in questione.

§ 95

Un minore non pienamente competente può, in circostanze normali, dare il proprio consenso per la procedura sul proprio corpo, se è appropriato per la maturità intellettuale e libera dell’età del minore, e nel caso di un intervento non permanente o serio.

§ 96

(1) Il consenso ad interferire con l’integrità di una persona richiede una forma scritta se una parte del corpo che non è rinnovata deve essere separata.

(2) Consenso a

(a) una sperimentazione medica umana; \ tor. \ t

b) una procedura che non richiede la salute umana; questo non si applica nel caso di procedure cosmetiche che non lasciano conseguenze permanenti o gravi.

§ 97

(1) Il consenso concesso può essere revocato in qualsiasi forma, anche se per il consenso è richiesta una forma scritta.

(2) Se per il consenso non è richiesta una forma scritta, si considera che sia stata concessa. L’incertezza sul fatto che il consenso sia stato ritirato in una forma diversa da quella scritta è considerato come non accaduto.

§ 98

(1) Se una persona non può dare il consenso per l’incapacità di esprimere la propria volontà, sia pure temporanea, e se non ha un tutore legale, è richiesto il consenso del presente coniuge, genitore o altra persona vicina. Se nessuna di queste persone è presente, è richiesto il consenso del coniuge e, in caso contrario, il consenso del genitore o di un’altra persona vicina, se è possibile trovare e arrivare senza difficoltà e se è chiaro che non vi è alcun pericolo di ritardi. Se non è possibile ottenere l’approvazione con uno dei metodi sopra indicati, può essere dato il consenso di un’altra persona presente, che certificherà l’interesse particolare della persona interessata.

(2) Nella procedura e nella concessione del consenso, si tiene conto dei desideri noti precedentemente espressi della persona la cui integrità deve essere compromessa.

§ 99

Se la vita di una persona è in pericolo improvviso e percettibile e se non è possibile ottenere il consenso in uno stato diverso da quello specificato, l’azione può essere intrapresa immediatamente se necessario per la salute della persona interessata.

§ 100

(1) Se l’integrità di un minore che ha compiuto quattordici anni non è pienamente raggiunta ed è seriamente contraria all’intervento, anche se il tutore legale è d’accordo con l’intervento, l’intervento non può essere eseguito senza il consenso del tribunale. Ciò vale anche nel caso di un intervento su un adulto che non è pienamente competente.

(2) Se il tutore legale non è d’accordo con l’interferenza con l’integrità della persona di cui al paragrafo 1, anche se la persona desidera farlo, l’intervento può essere effettuato su sua proposta o su richiesta di una persona vicina ad esso solo con il consenso del tribunale.

§ 101

Se l’integrità di una persona incapace di giudizio deve essere influenzata in modo da lasciare conseguenze permanenti, inevitabili e gravi o in un modo associato a un grave pericolo per la sua vita o salute, l’intervento può essere effettuato solo con il consenso del tribunale. Ciò non pregiudica le disposizioni della sezione 99.

§ 102

Il tribunale ricorrerà a una procedura ai sensi delle sezioni 100 o 101 se è ragionevolmente a beneficio dell’interessato, dopo averlo visionato e con il pieno riconoscimento della sua personalità.

§ 103

Se è stato influenzato dall’integrità di una persona che non è stata in grado di giudicare ciò che gli sta succedendo e non ha dato il suo consenso all’intervento, deve, non appena le sue condizioni lo consentono, essere spiegato a lui in un modo che sarà in grado di comprendere. quale procedura è stata eseguita su di esso e deve essere informato delle sue possibili conseguenze e del rischio di non intervento.